Home » Posts tagged with » gian joseph morici (Page 2)
1717 – Un uomo qualunque – di Gian Joseph Morici

Tratto dal romanzo “1717 – Un uomo qualunque” Un senatore, i suoi baffetti e la sua massoneria: – “Mi scusi, ma lei non è Ricci?” – “Sì, senatore, sono io” – “Volevo dirti che ti ho querelato. Querelato e diffidato…” Il suo atteggiamento era cambiato. – “Guarda che a me non è arrivato nulla…” – […]

Continue reading …
1717 – Un uomo qualunque – di Gian Joseph Morici

Tratto dal romanzo “1717 – Un uomo qualunque” Libertà di stampa a Collearso: – “Pronto? Sono Marten…Eric Marten…” Quel nome a Giorgio non diceva nulla. – “Prego… in cosa posso esserle utile?” – “Sei George?” – “Sì… sono io…” – “Io sono Eric Marten, un giornalista. Ti ho telefonato perché dovendo venire sabato in Sicilia, […]

Continue reading …
1717 – Un uomo qualunque – di Gian Joseph Morici

Tratto dal romanzo “1717 – Un uomo qualunque” Affari, ambiente e mafia: (…) portava avanti la battaglia contro la centrale nucleare. – “ ’Sta vota, ci scappa u mortu…” (questa volta ci scappa il morto!) Quelle parole, pronunciate da uno sconosciuto al termine di un consiglio comunale straordinario, voluto da Giorgio, non lo colsero alla […]

Continue reading …
1717 – Un uomo qualunque – di Gian Joseph Morici

Tratto dal romanzo “1717 – Un uomo qualunque” 11/9: – “George… George… è terribile. Una aereo si è schiantato contro una delle Torri Gemelle…” – “Ma com’è successo… Tu dove sei?” – “George… ce n’è un altro… Va nella stessa direzione… Non è possibile…” La comunicazione s’interruppe. La casa di Silvia non era molto distante. […]

Continue reading …

Tratto dal romanzo “1717 – Un uomo qualunque” Messico: Quel documento, consegnato all’andata, significava che si trattava di una cosa tranquilla e che l’Agenzia era adesso una struttura paragovernativa. L’auto si fermò lungo la Mexico Federal Highway 15. Il pick up bianco accostò il loro e George vide sporgersi una testa piccola e dai capelli […]

Continue reading …
“1717 – Un uomo qualunque” – di Gian Joseph Morici

Tratto dal romanzo “1717 – Un uomo qualunque” Il vecchio Jo: Quella mattina stava pulendo il fucile, quando squillò il telefono. Posato lo scovolino, con le mani ancora unte di quell’olio spray che odora di nafta, ma rispetto la quale è più acre, alzò la cornetta. – “Hallo George…”. L’unica persona che lo chiamava così, […]

Continue reading …
“1717 – Un uomo qualunque” – di Gian Joseph Morici

Dal romanzo “1717 – Un uomo qualunque” Il senatore: “Sai, mi propongono di candidarmi al Senato. Saresti disposto a darmi una mano?” Giorgio non si era mai interessato alla politica prima di allora, ma non era il tipo da tirarsi indietro se un amico gli chiedeva qualcosa. Iniziò subito a mettersi al lavoro per contattare quanti […]

Continue reading …
“1717 – Un uomo qualunque” – di Gian Joseph Morici

Tratto dal romanzo “1717 – Un uomo qualunque” La mafia: A farsi incontro a Giorgio, fu il papà di Carmelo: – “Tu e Carmelo, dovete essere come fratelli. A lui, ho rotto io la faccia… Un figlio già l‘ho perso…” Il fratello di Carmelo era stato ucciso qualche anno prima. Mentre dall’ingresso si spostavano verso […]

Continue reading …
1717 – Un uomo qualunque – di Gian Joseph Morici

Tratto dal romanzo “1717 – Un uomo qualunque” “Tu sei un pregiudicato. Ti hanno trovato con una valigia piena di droga e al processo hai patteggiato la pena”. Chi lo accusa è la sua donna. Quella che lui credeva lo amasse. Adesso non sa più se questa storia gli appartiene, se veramente l’ha vissuta o […]

Continue reading …
A 70 anni dall’assassinio, Sciacca ricorda Accursio Miraglia

Dopo 70anni manca ancora una verità storica. Manca una verità giuridica. Ma non manca la verità dei fatti: Accursio Miraglia è stato ucciso da quella montagna di merda che è la mafia. Ieri, alla commemorazione dei 70anni dal vigliacco assassinio del segretario della Camera del Lavoro e dirigente comunista saccense, ucciso il 4 gennaio del […]

Continue reading …