Home » Posts tagged with » terrorismo (Page 7)
Organizzazioni neonaziste nelle carceri tedesche

Ad indagare sul tentativo di creare una rete politica travestita da organizzazione di mutuo soccorso per i detenuti, l’Ufficio federale per la Protezione della Costituzione e la polizia dello stato di Hesse, dopo che i giornali Bild e Süddeutsche Zeitung avevano dato notizia di come alcuni detenuti  avessero utilizzato messaggi in codice nel tentativo di […]

Continue reading …
Sigonella base del Marine Air-Ground Task Force?

Dopo i fatti accaduti nella notte in cui a Bengasi (Libia) persero la vita l’ambasciatore americano Christopher Stevens e altre tre persone (fatti per i quali sono stati chiamati a dare spiegazioni dinanzi al Congresso l’ex Segretario alla Difesa Leon Panetta e il generale dell’esercito Martin Dempsey), quando la squadra operazioni speciali atterrò alla Naval […]

Continue reading …

007 nel mirino

No Comment
007 nel mirino

La sentenza emessa dalla IV sezione della Corte d’appello del tribunale di Milano che ha condannato a dieci anni l’ex direttore del Sismi Nicolò Pollari, a nove anni Marco Mancini, ex numero due del servizio segreto, e a sei gli agenti Giuseppe Ciorra, Raffaele Di Troia e Luciano Di Gregori,  per la vicenda relativa al […]

Continue reading …
Quelle operazioni coperte della CIA e l’anomalia italiana

Dopo la decisione della Corte d’appello di Milano di acquisire al processo documenti coperti dal Segreto di Stato da parte di tre diversi governi (Prodi, Berlusconi, Monti), gli imputati, cinque uomini o ex uomini del Sismi, rompono il silenzio e per potersi difendere dalle accuse iniziano a svelare quello che ormai anche per loro sembra […]

Continue reading …
Algeria: una strage annunciata

L’Algeria l’aveva detto. Benché il Presidente francese Hollande abbia avuto dalla sua parte la quasi unanimità di politici e media anche internazionali, la presa d’ostaggi nella sede della BP era stata quasi predetta. Bastava seguire i media algerini che avevano ipotizzato che l’intervento francese in Mali avrebbe potuto produrre un’esacerbazione del jihadismo. Del resto è […]

Continue reading …
GUERRA IN MALI: TANTA FRANCIA E POCA EUROPA

L’11 gennaio la Francia ha dato inizio all’operazione “Serval” (in italiano gattopardo) a sostegno del governo del Mali, sotto attacco da parte delle truppe ribelli del nord del paese. L’intervento francese arriva dopo un anno di escalation che ha portato le truppe ribelli del MNLA (Movimento Nazionale di liberazione dell’Azawad) e le compagini islamiste ad […]

Continue reading …
Terrorismo – Campi d’addestramento in Libia

Le intelligence occidentali sono concordi sull’esistenza di almeno tre campi di addestramento di jihadisti nei pressi della città libica di Sebha. Secondo quelle che vengono definite ‘fonti affidabili’, almeno trecento “salafiti” dalla Libia e dall’Egitto, dopo essersi addestrati nei campi libici sotto l’egida di Al-Qaeda, sarebbero partiti alla volta del nord del Mali, andando ad […]

Continue reading …
“Digital al-Qaeda”?

Secondo fonti ancora tutte da verificare, dietro il gruppo di hacker che ha già iniziato a prendere di mira i siti web occidentali come rappresaglia per i film anti-Islam film e le caricature di Maometto, potrebbe esserci al-Qaeda. Il gruppo che si differenzia dagli hacker di Anonymous per la componente religiosa che li motiva, sarebbe […]

Continue reading …
Al-Qaeda – Minaccia reale o invenzione?

Mentre continuano le proteste da parte dei musulmani per il film “The Innocence of Muslims”,  al-Qaeda, tramite una nota  pubblicata su un sito web jihadista”, incita all’uccisione o alla “cacciata” dai territori di tutti gli ambasciatori e rappresentanti del governo americano, per vendicare l’onore del profeta Maometto. Ma al-Qaeda esiste davvero? Il dubbio è legittimo, […]

Continue reading …
Primavera Araba e Mossad – Intervista ad Antonella Colonna Vilasi

Sono trascorsi quasi due anni dall’inizio della cosiddetta Primavera araba. Un evento la cui incidenza sui futuri assetti geostrategici mondiali non è di chiara lettura, visto che si tratta di un processo che deve ancora confrontarsi con le incognite della storia. I paesi interessati dalla rivolta, hanno in comune le stesse difficili condizioni di vita […]

Continue reading …