Home » Posts tagged with » mafia
Cavallotti-Saguto. Lettera aperta alla Dottoressa Pasciuti

Cavallotti-Saguto. Lettera aperta alla Dottoressa Pasciuti

Chi scrive è Pietro Cavallotti, il quale con un post sulla sua pagina Facebook, nell’esporre una sintesi dei fatti che hanno sconvolto la vita della sua famiglia, pone degli interrogativi, talvolta anche inquietanti, in merito all’operato di taluni magistrati, periti e amministratori giudiziari.  La vicenda della famiglia Cavallotti, salita alla ribalta delle cronache in particolare a seguito […]

Il “Caso Vaccarino”. Si torna al punto di partenza

Dopo l’annullamento da parte della Cassazione che aveva rinviato al Riesame l’ordinanza di scarcerazione di Antonio Vaccarino, ex sindaco di Castelvetrano, arrestato ad aprile con l’accusa di favoreggiamento aggravato alla mafia, a seguito di un’indagine che ha visti coinvolti anche un colonnello della Dia di Caltanissetta e un appuntato in servizio a Castelvetrano, in merito […]

Continue reading …
Si può combattere la mafia senza distruggere la vita di persone innocenti – Intervista a Pietro Cavallotti

Si fa presto a dire “antimafia”, a incensare e incoronare quanti combattono – o sembra combattano –le organizzazioni criminali, i loro interessi economici, il loro potere in tutte le sue forme. Da una parte il “Male” (la Mafia) dall’altra il “Bene” (lo Stato, l’Antimafia).  Ma è così netto il confine tra il Bene e il […]

Continue reading …
Caso Saguto – Dobbiamo avere paura della giustizia?

La puntata di ieri del programma “Le Iene” sul caso Saguto che tanto imbarazza l’antimafia palermitana,  è da far tremare le vene e i polsi più di quanto non lo farebbe la terribile lupa del canto I dell’Inferno, quando  Dante chiede aiuto a Virgilio. Eh sì, quasi da far rimpiangere i tempi in cui “cosa […]

Continue reading …
Ciminnisi: Dopo il caso Scarantino sia fatta chiarezza sull’attendibilità dei pentiti

“Il depistaggio operato dal falso pentito Scarantino in merito alla strage di via D’Amelio, impone che si faccia chiarezza sulle dichiarazioni di quei collaboratori di giustizia che sono stati oggetto di controverse dichiarazioni in merito alla loro attendibilità. Apprendo del Decreto penale di condanna per diffamazione a mezzo stampa emesso a carico dell’editore Gian Joseph […]

Continue reading …
Condannato con Decreto per diffamazione si oppone e chiede audizioni di pentiti e Magistrati

Agrigento –  A darne notizia il quotidiano online Corriereagrigentino.it che ha così sintetizzato la vicenda di una querela presentata dall’ex pentito Vincenzo Calcara nei confronti di Gian Joseph Morici, editore del giornale “La Valle dei Templi”: “Gli era stata inflitta la pena di 750 euro di multa, dal Gip del Tribunale di Agrigento Stefano Zammuto, che aveva […]

Continue reading …
Chi ha visto Vincenzo Calcara?

L’irreperibilità, quasi fosse un virus, sembra colpire il mondo dei collaboratori di giustizia. Il primo caso, quello più rilevante, riguarda l’ex capodecina di San Cataldo, Leonardo Messina, il quale dopo aver pagato il suo conto con la giustizia avrebbe dovuto testimoniare a Caltanissetta al processo al superlatitante Matteo Messina Denaro, accusato per le stragi di […]

Continue reading …
Matteo Messina Denaro è in grado di ricattare lo Stato

È di qualche giorno fa l’affermazione di Nino Di Matteo secondo la quale Matteo Messina Denaro è a conoscenza di segreti legati alle stragi, un uomo che conosce quei segreti e che è in grado di ricattare parte dello Stato. Di per sé le dichiarazioni di Di Matteo non aggiungono nulla a quanto ipotizzato anche […]

Continue reading …
Caccia a Matteo Messina Denaro – Quei fili che scottano

Se c’è una differenza della quale ci si accorge subito nella storia delle latitanza di Totò Riina e Bernardo Provenzano, con quella di Matteo Messina Denaro, è il livello qualitativo di chi ha coperto e continua a coprire “u siccu”. Non che Riina e Provenzano non godessero di coperture “altolocate” anche all’interno delle istituzioni, ma […]

Continue reading …

  Dopo le due interviste ad Antonio Vaccarino, ex sindaco di Castelvetrano che con lo pseudonimo di Svetonio operò con il Sisde per tentare la cattura di Matteo Messina Denaro, dopo aver letto e commentato la sentenza di primo grado del processo per l’omicidio del giornalista Mauro Rostagno, che ha emesso un giudizio tranciante in […]

Continue reading …
Page 1 of 28123Next ›Last »