Home » Posts tagged with » aldo mucci
Ronaldo, Fca Melfi, Usb: di fronte a tanta iniquità non si può che scioperare

Ronaldo, Fca Melfi, Usb: di fronte a tanta iniquità non si può che scioperare

La notizia che USB ha proclamato lo sciopero alla Fca di Melfi ha fatto il giro del mondo. È inaccettabile che mentre ai lavoratori di Fca e Cnhi l’azienda continui a chiedere da anni enormi sacrifici a livello economico la stessa decida di spendere centinaia di milioni di euro per l’acquisto di un calciatore. Ci viene […]

Note di chiarimento vertenza operatori ecologici di Lampedusa

I lavoratori operatori ecologici di Lampedusa hanno dato mandato alla scrivente O.S. di proclamare una giornata di sciopero,a seguito del mancato pagamento di quattro mensilità e quattordicesima mensilità. Le aziende che operano a Lampedusa ISEDA SEA SEAP, hanno immediatamente promesso ai lavoratori il pagamento di due mensilità. Il giorno dopo lo sciopero i lavoratori (non […]

Continue reading …
Scuole belle il più grande colorificio d’Italia

GIL CISL UIL hanno chiesto al Dott. Jacopo GRECO Direttore Generale per le risorse umane e finanziarie del  MIUR un tavolo per monitorare l’andamento dell’appalto. In quel tavolo si discuterà delle cosiddette nuove gare nonostante nella Legge di Bilancio (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) all’art. 1 comma 687 si estende la validità dei contratti attuativi […]

Continue reading …
Il Profumo della Giustizia – di Aldo Mucci

“Il Profumo della Giustizia” è il titolo del libro scritto da Aldo Mucci, edito da Wikimedia Foundation Inc. (San Francisco California -USA) – Una raccolta accurata di biografie analitiche di tutori della legge, uccisi dalla mafia. Il libro vuole essere una testimonianza di coraggio, un simbolo e un monito a non dimenticare, a non abbassare […]

Continue reading …

Progetto dolore!

No Comment
Progetto dolore!

Lo stress a volte fa brutti scherzi. Il mio dolore alla gamba si fa sentire e l’unica soluzione è l’infiltrazione  di cortisone ed anestetici locali. Il dolore infatti mi dice il medico, non è una malattia come tante altre. Anzi, non è proprio una malattia. Talvolta si manifesta in seguito a processi patologici – lesioni, infiammazioni – […]

Continue reading …
Dipendenti pubblici tra Stalking e caserma

Dal 13 gennaio scorso è entrato in vigore il Decreto Madia 206/2017 con il nuovo regolamento sulle visite fiscali dei dipendenti pubblici. Le fasce di reperibilità rimangono quelle già presenti (9/13 e 15/18), e quindi ben più restrittive rispetto al lavoro privato,  mentre le visite potranno essere effettuate con cadenza sistematica e ripetitiva, anche nei […]

Continue reading …
Politica, sindacati e rivoluzione

Negli anni ’50, Danilo Dolci, sociologo e attivista della nonviolenza, scelse la Sicilia  (Partinico, San Cataldo, Trappeto etc) per la  lotta  per il  pane, il lavoro, la democrazia e contro la mafia. A Trappeto, Dolci dà inizio alla prima delle sue numerose proteste nonviolente, il digiuno sul letto di un bambino morto per la denutrizione. […]

Continue reading …
Santa Elisabetta. Il fantasma della Pizza

I miei amici francesi Amandine e Adrien sono appassionati del cibo genuino. Come ogni anno, da circa tre anni, passano le loro vacanze in Sicilia. Agrigento è la loro meta. Gli suggerisco di andare a Santa Elisabetta, presso la pizzeria Kometa del mio amico Domenico. Amandine col suo dolce accento francese mi fa la “telecronaca” […]

Continue reading …
LSU. Cooperative, Consip  e mangiatoie

Progetto scuole belle. Ti senti proprio piccolissimo di fronte a tanti miliardi di euro, (2,7 miliardi) ma ci sei. Ci sei dentro fino al collo, ma non per spartirti i soldi, ma per difendere umili lavoratori accerchiati da tutto.Ti fa rabbia leggere le inchieste, le richieste di processi,  (La procura di Roma ha chiuso le […]

Continue reading …
Pesantissima sentenza contro giornalisti che hanno osato contestare il contratto!

L’Unione Sindacale di Base esprime tutta la propria solidarietà ai giornalisti che hanno osato impugnare l’ultimo contratto di lavoro, quello del 2014, per i suoi contenuti giudicati inaccettabili: dal compenso di 3.000 euro lordi all’anno per i collaboratori, alla diffusione del precariato, questo solo per evidenziarne gli aspetti più brutali. Nel ricorso si contestava che […]

Continue reading …
Page 1 of 6123Next ›Last »