Home » Archives by category » Estero (Page 65)
Jimmy Hoffa – Resta il mistero

James Riddle Hoffa, conosciuto come Jimmy Hoffa, era nato in Brasile il 14 febbraio 1913. Figura molto controversa, legata alle lotte sindacali, ma anche a rapporti con noti esponenti della criminalità organizzata. Hoffa diventò presidente dell’Unione (il sindacato) nel 1957 e nel 1964 riuscì a portare a termine il progetto di unire i sindacati degli […]

Continue reading …
Montreal – Rizzuto va nella tana del lupo?

Vito Rizzuto, il 66enne padrino di Montreal, lasciato il carcere americano dove dovrà ancora trascorrere qualche giorno, potrebbe decidere di recarsi nell’Ontario. Una scelta apparentemente suicida, visto che proprio nell’Ontario risiedono i nemici storici della ‘Sesta Famiglia’ capeggiata dai Rizzuto. La recente guerra di mafia che ha visto decimato il clan dei Rizzuto, finalizzata al […]

Continue reading …
“Digital al-Qaeda”?

Secondo fonti ancora tutte da verificare, dietro il gruppo di hacker che ha già iniziato a prendere di mira i siti web occidentali come rappresaglia per i film anti-Islam film e le caricature di Maometto, potrebbe esserci al-Qaeda. Il gruppo che si differenzia dagli hacker di Anonymous per la componente religiosa che li motiva, sarebbe […]

Continue reading …
Libia- Gli americani sapevano?

Che l’attacco al consolato di Bengasi fosse da ritenere “annunciato”, lo avevamo già scritto narrando anche la vicenda di un attentato tramite un’autobomba parcheggiata nelle vicinanze della sede della sicurezza nazionale. Una Peugeot carica di esplosivo, che avrebbe dovuto essere controllata, ma non era stato fatto. Una storia della quale la stampa non ha dato […]

Continue reading …
Montreal – Il ritorno di Vito Rizzuto?

L’ombra del padrino Vito Rizzuto (che dovrebbe lasciare il penitenziario di Florence Colorado, dopo aver scontato una condanna a 10 anni per il suo coinvolgimento negli omicidi di tre luogotenenti del clan Bonanno commessi nel 1981 a New York tra poco più di un mese) sembra allungarsi sugli attentati incendiari subiti  dall’impresa dell’imprenditore Domenico Arcuri, […]

Continue reading …
Texas: A incitare i manifestanti di Houston Occupy furono “infiltrati”

Tre agenti infiltrati nel movimento di protesta avrebbero agito da provocatori, incitando i manifestanti a commettere illeciti. Questo è quanto emerge dall’attività d’indagine del Giudice distrettuale di Stato, secondo il quale i tre, che avrebbero avuto l’autorizzazione ad infiltrarsi nel movimento per informare i loro superiori di quanto accadeva, avrebbero invece agito di propria iniziativa […]

Continue reading …
Libia –Mustafa Abushagour, gli interessi, la successione, la Telecom

Dalle ceneri della rivolta una “dittatura democratica”? “ Nella vita di ogni popolo democratico, vi è un passaggio assai pericoloso. Quando il gusto per il benessere materiale si sviluppa più rapidamente della civiltà e dell’abitudine alla libertà, arriva un momento in cui gli uomini si lasciano trascinare e quasi perdono la testa alla vista dei […]

Continue reading …
Siria – I nomi delle vittime scritti su palloncini

L’idea è nata da alcune donne siriane – probabilmente di Daraa – che hanno iniziato a scrivere su palloncini i nomi delle vittime della repressione da parte di un regime dittatoriale. Solo nella giornata di ieri ben 130 civili, tra cui 15 bambini, hanno perso la vita. 40 a Damasco, 28 ad Aleppo, 21 a Deir Ezzor, […]

Continue reading …
In ricordo di Angelo “Blù” Salzano – Marie-Jeanne Atanasia

Marie-Jeanne Atanasia: Angelo “Blù” Salzano, l’Armonicista e Amico per me non è “morto”.   Angelo “Blù” Salzano “THE KING OF THE BLUES”   Così Marie-Jeanne Atanasia ricorda quello che definisce “il formidabile armonicista “napolicasertano” Angelo “Blù” Salzano, il quale oggi avrebbe compiuto 46 anni, prematuramente scomparso il 7 maggio scorso di cancro. Un omaggio all’artista. […]

Continue reading …
Joe Arpaio, sceriffo ad 80 anni. Plurindagato, ma ufficio del procuratore degli Stati Uniti decide di non dover procedere contro di lui

Arizona – Phoenix – Lui è Joe Arpaio, lo sceriffo della Contea di Maricopa. Il più duro sceriffo d’America. Sul suo capo nel corso degli anni si sono accumulate innumerevoli accuse.  Ultima in ordine di tempo l’indagine sulle accuse di misfatti finanziari e abusi di potere. In una lettera all’ufficio del procuratore della contea, che […]

Continue reading …