Home » Archives by category » Estero (Page 61)
Corruzione – Si dimette il sindaco di Montreal Gerald Tremblay

Gerald Tremblay, 70 anni, al suo terzo mandato di sindaco della città canadese, si dimette un anno prima del termine del mandato elettorale, a seguito da quanto emerso nel corso di un processo per casi di corruzione, che potrebbe riguardare altri sindaci e politici di primo piano del Partito Liberale. All’origine dello scandalo un filmato […]

Continue reading …
Il candidato sindaco è detenuto per corruzione

Accade a Jilava, vicino Bucarest, ma sarebbe potuto accadere in Italia, dove un precedente quasi simile (non si trattava di un sindaco ma del presidente del collegio dei sindaci di una società, indicato dall’ex governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo) portò alla ratifica della nomina di un detenuto. Diverse in quel caso le ragioni dello stato […]

Continue reading …
Cina – Dove un rene costa 3.500 $. Il Falun Gong, la ‘fattoria degli organi’.

HONG KONG – Tra il 2003 e il 2009, solo 130 persone in Cina hanno donato i propri organi. A fronte di un milione di pazienti che necessitano di un trapianto, i donatori di organi sono un numero veramente irrisorio, anche se gli interventi effettuati sono nell’ordine di alcune migliaia. Organi che fino a poco […]

Continue reading …
‘Sesta Famiglia’ – Ucciso Joe Di Maulo

Montreal (Canada) – Con due colpi in testa, un cecchino ha messo fine alla vita del 72enne Joe Di Maulo, legato alla Sesta Famiglia, capeggiata dal clan Rizzuto.   Di Maulo, calabrese vicino alla ‘Ndrangheta di Cotroni e Violi, era passato dalla parte dei Rizzuto dopo che questi avevano preso possesso del territorio di Montreal […]

Continue reading …
Traffico d’organi in Cina – Annullata la prima udienza

15 gli imputati accusati di essere coinvolti nel traffico di organi,  prelevati illegalmente prelevati al Sanjia Hospital. Il caso riguarda la rimozione illegale di 51 reni, che sono stati venduti e trapiantati. Un traffico che avrebbe reso agli organizzatori un utile di 10,3 milioni di yuan ($ 1,6 milioni). Tra gli imputati, anche medici e […]

Continue reading …
Vito Rizzuto – Nuova guerra di mafia in Canada?

Montreal – A chiederselo adesso sono in tanti. Specie dopo che il boss di Montreal ha acquistato una vettura blindata, pagandola oltre 100.000 dollari. Se è pur vero che la scelta di Rizzuto di recarsi a Toronto, dopo aver lasciato il carcere americano nel quale si trovava dal 2004, trovava spiegazione in una pax mafiosa tra […]

Continue reading …
Terrorismo – Campi d’addestramento in Libia

Le intelligence occidentali sono concordi sull’esistenza di almeno tre campi di addestramento di jihadisti nei pressi della città libica di Sebha. Secondo quelle che vengono definite ‘fonti affidabili’, almeno trecento “salafiti” dalla Libia e dall’Egitto, dopo essersi addestrati nei campi libici sotto l’egida di Al-Qaeda, sarebbero partiti alla volta del nord del Mali, andando ad […]

Continue reading …
Traffico d’organi – Israele disincentiva il turismo del trapianto

A sollevare nuovamente la questione della carenza di donazioni di organi in Israele, il trapianto di fegato eseguito sull’ex direttore del Mossad, Meir Dagan. Da anni Israele è al centro di polemiche a seguito del cosiddetto turismo del trapianto, che vede molti cittadini israeliani recarsi all’estero per ricevere un organo. Un esempio tra i più […]

Continue reading …
Il ritorno di Vito Rizzuto –  Bombe e fuoco

Montreal – Una coincidenza è il caso, due sono un indizio, tre sono una prova … La quarta volta non sapremmo proprio come indicarla. Da quando Vito Rizzuto ha fatto ritorno a Montreal, Little Italy – il quartiere italiano – è diventata una zona calda. Il suo ritorno coincide infatti con una serie di attentati […]

Continue reading …
Vito Rizzuto torna a Montreal

Montreal – E’ tornato a a casa Vito Rizzuto, il 66enne padrino di Montreal. Dopo aver scontato in un carcere americano una condanna per essere rimasto coinvolto in tre omicidi di mafia a Brooklyn, estradato in Canada quasi due settimane fa, Rizzuto aveva deciso di recarsi nell’Ontario. Una scelta che definimmo “apparentemente suicida”, visto che proprio […]

Continue reading …