REFERENDUM. Orlando “Nuovo passo per riforma che non può restare incompleta”

“La riduzione dei parlamentari fu una delle proposte avanzate già negli anni ’90 dalla Rete, nell’ambito di un ampio ragionamento di riforma istituzionale e del rapporto fra eletti, elettori e forme della rappresentanza. Di quel ragionamento, faceva parte l’allora eretica proposta di abolizione dell’immunità parlamentare.

Oggi un nuovo passo è stato compiuto, ma perché la riforma non sia monca né tantomeno vittima di populismi e slogan vuoti, occorre che sia completata con altri interventi che rafforzino il legame fra gli eletti e i rispettivi territori e comunità, sottraendoli a logiche e recinti di partito, che possano apparire fini a sé stessi.”
Lo ha dichiarato Leoluca Orlando

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*