Alluvione Messina, Calderone (FI): “Non valiamo meno di Palermo, depositato ddl per chiedere somme per i danni subiti”

Palermo, 08/08/2020: “Ho depositato ieri un disegno di legge a mia firma, che all’origine prevedeva lo stanziamento di un milione di euro per i danni causati dall’alluvione che si è abbattuto in questi giorni a Messina, arrecando tanti disagi, specie nei borghi marinari di Ganzirri e Torre Faro, ma anche in provincia, come a Barcellona, Terme Vigliatore, Castroreale e zone limitrofe. Per tale motivo chiederò di implementare le somme non solo secondo criteri quantitativi ma anche geografici. La provincia messinese infatti non vale meno di Palermo, per la quale sono stati finanziati interventi per l’allagamento del sottopasso del 15 luglio scorso. Il ddl depositato prevede che per il reperimento delle somme da destinare al comune di Messina ed i comuni coinvolti dalla calamità, sia rimodulata la programmazione delle risorse extraregionali relative ai fondi FSC e/o FESR. Qualora non saranno concesse, già da ora prometto battaglia perché non ci sono città di serie A e città di serie B. Siamo tutti siciliani e come tali dobbiamo essere trattati, senza campanilismi”. Così afferma il Capogruppo di Forza Italia al Parlamento Siciliano, on. Tommaso Calderone, a seguito del ddl a sua firma depositato all’Ars.

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*