Ha un fascino esotico e non tradisce chi ci va: Sambuca di Sicilia è un paese da scoprire

Eletto borgo più bello d’Italia nel 2016, terzo comune siciliano dopo Gangi e Montalbano Elicona, offre bellezze suggestive a chi sceglie di farci una passeggiata

Beniamino Biondi
Critico cinematografico

073f282cd258cba680ca94928ab4aabbda746f7b-sambuca-di-sicilia-jpg-10052-1596177844Eletto borgo più bello d’Italia nel 2016, terzo comune siciliano dopo Gangi e Montalbano Elicona, situato tra le bellezze inestimabili del Parco Archeologico di Selinunte e lo splendido mare di Menfi, Sambuca di Sicilia vanta un bel nome dal fascino esotico e dalle origine chiare e al contempo solo plausibili.

Zabut, come si chiamava, era il nome arabo del castello, derivato dal suo fondatore, l’emiro Al-Zabut “lo splendido”; e tuttavia, per altri, il toponimo richiama la presenza di piante di sambuco o ancora la forma del suo impianto urbano che è simile alla sambuca, uno strumento musicale somigliante a una piccola arpa che la tradizione attribuisce inventato dal poeta lirico greco Ibico.

Continua a leggere l’articolo…

 

 

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*