Al cinema fra i templi: un tour tra i film che hanno scelto Agrigento per il “ciak si gira”

Un particolare della locandina del film "Il principe ribelle"

Un particolare della locandina del film “Il principe ribelle

L’elenco dei film girati in Sicilia è infinito, da “Il Padrino” a “Nuovo Cinema paradiso” non c’è luogo inesplorato: ma la Valle dei Templi dovrebbe recuperarne alcuni

di Beniamino Biondi
Critico cinematografico
——

Ebbe a dire una volta Leonardo Sciascia che “la Sicilia è cinema”, con l’intenzione di richiamare non tanto il carattere degli isolani – che piuttosto è teatrale, dalla commedia grottesca al più cupo dramma – ma la bellezza delle scenografie naturali che essa offre, in una varietà di paesaggio che è forse il vero grande requisito distintivo della Sicilia nel mondo.

Un paesaggio che non è un semplice dato visivo, ma è una forma di cultura tradizionale posta sotto il segno dell’ibridità storica dell’Isola. Ne viene conferma dall’amore dei tanti registi siciliani d’adozione, uno per tutti il ligure Pietro Germi, per cui “la Sicilia è l’Italia due volte (…) i siciliani sono italiani, ma sono italiani più italiani degli altri. I loro caratteri sono accentuati, esagerano, il siciliano è un italiano espresso in tutte le sue potenzialità”.

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*