Mobilità Scuola 2020

Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani, in considerazione delle trattative tra sindacati e MIUR sul tema della mobilità 2020 / 2021 e dell’imminente procedura di presentazione della relativa domanda prevista per l’11 marzo, invita l’Amministrazione a favorire il rientro dei docenti fuorisede della legge 107/2015 (Buona scuola), in quanto, come più volte abbiamo ribadito, lo stato di disagio e di difficoltà economiche connesse a tale condizione permangono da ormai cinque anni. L’età anagrafica degli esiliati continua ad avanzare e anche il servizio di riferimento (molti docenti vantano ormai dieci, quindici, se non venti, anni di servizio); la possibilità di accedere in termini decorosi alla pensione prevede attese lunghe, di conseguenza molti insegnanti sono scoraggiati, anche per le retribuzioni inadeguate rispetto ai costi sostenuti fuori casa, che aumentano inesorabilmente con il passare degli anni. Diverse classi di concorso (A046 – discipline giuridiche ed economiche; scuola primaria) nel corso degli anni hanno fatto registrare rientri pari quasi a zero. In una fase così delicata, come quella attuale, in cui tutti i cittadini sono chiamati a responsabilizzarsi per contribuire al contenimento del Coronavirus, il nostro pensiero corre inevitabilmente a tutti quei docenti, che, per ottemperare giustamente alle indicazioni pervenute, sono rimasti nei centri assegnati, rinunciando a unirsi ai propri familiari esclusivamente per dovere civico. Ci auguriamo che il nostro Paese possa superare al più presto possibile le serie difficoltà del momento e che il maggior numero possibile di operatori della scuola possa ricongiungersi ai propri cari.

Condividi sui social

One Response to Mobilità Scuola 2020

  1. Alessandro Pedemonte

    Chiedo a tutti i sindacati della scuola di fare in modo di avere la possibilità di ritornare nella propria città. Io sto pagando due affitti e in più ho 8 cattedre libere sulla mia città sulla mia classe di concorso, quindi vorrei a settembre essere a casa mia per favore, visto che i posti ci sono.
    Vi prego aiutateci … e tra l’altro i neoassunti anno 2018/2019 anno potuto chiedere già trasferimento per quest’anno e pertanto siccome il contratto va fino al 2022 lo stesso trattamento deve essere fatto anche per noi neoassunti dell’anno 2019/2020. NON ci possono essere discriminazioni in questo senso, NON è giusto.
    Vi prego aiutateci e dateci questa possibilità anche a noi. Sicuramente l’umore cambia e si lavora 10 volte meglio di sicuro a casa nostra.
    Grazie
    Prof. A.P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*