La lettera di Pietro Cavallotti al “Sistema Saguto”

Con un post sul suo profilo Facebook, Pietro Cavallotti racconta il triste calvario della sua famiglia di imprenditori di Belmonte Mezzagno, in provincia di Palermo, distrutti da un’accusa di mafia, che si videro confiscati tutti i beni.

Nonostante fossero stati assolti dall’accusa di associazione mafiosa, restavano “socialmente pericolosi” e di conseguenza  sottoposti a misure patrimoniali e personali che coinvolgevano anche le aziende dei figli, queste ultime restituite ai legittimi proprietari dopo otto anni.

Qual era l’appartenenza mafiosa e la pericolosità sociale dei Cavallotti?   Non ci vuol molto per scoprire che la vicenda nasce da una storia di “pizzini” ed estorsioni da parte di “cosa nostra” in danno proprio dei Cavallotti. L’incapacità dello Stato nel proteggere i cittadini, si trasforma nell’appartenenza mafiosa delle vittime.

sagutoIl programma Le Iene ha offerto all’opinione pubblica un agghiacciante spaccato di una giustizia ingiusta. Una giustizia che è qualcosa di ben diverso da quella per la quale sono morti magistrati, agenti, giornalisti e quanti altri ostacolavano gli interessi della mafia. Il “Sistema Saguto” – è proprio l’ex magistrato che nelle intercettazioni parla di “sistema” – è la punta di un fetido iceberg che non riguarda soltanto la confisca dei beni di presunti mafiosi che a distanza di troppi anni vengono assolti dopo che le loro aziende, le loro famiglie e quelle dei loro dipendenti sono state distrutte. Dalla gestione dei fallimenti, al sequestro di beni di presunti mafiosi, questa “giustizia” e  quest’antimafia dei “sistemi” (non dimentichiamo il “Sistema Montante”) hanno finito con il mostrare il proprio vero volto, forse peggiore di quello di “cosa nostra” visto che si nasconde dietro una facciata di onestà.

Se per la mafia un’impresa è una pecora da mungere, per questa “giustizia” l’impresa rappresenta la pecora da macellare…

 

Io qualcosa da dirti ce l’avrei – scrive Pietro Cavallotti nel suo post rivolgendosi all’ex magistrato Silvana Saguto – Ti ho vista per la prima volta in Tribunale. Avevamo udienza alle 9:00 e sei arrivata solo alle 12:00. Ti facevi avanti circondata dalle tue guardie del corpo con il trucco ben fatto e il capello curato nei minimi particolari.

giustiziaDai tuoi occhi usciva il fuoco dell’arroganza e della superbia. Eri il giudice supremo e tutti gli altri non contavano un cazzo, erano solo carne da macello, numeri da usare per la propaganda dei sequestri e delle confische alla “mafia”, patrimoni da spolpare e opportunità di lavoro per i raccomandati.

Ti scocciava venire alle udienze. Infatti, nel momento stesso del sequestro, avevi già deciso di confiscare tutto. Le perizie e i processi servivano solo per prendere tempo e portare avanti il più possibile la mangiatoia.

Quando prendevano la parola gli avvocati per spiegare le ragioni dei propri assistiti, facevi i disegnini su un pezzo di carta. Trattavi gli avvocati come se fossero collusi con i loro clienti. Forse eri temuta perché, con una semplice parola, avresti potuto segnare la fine della loro carriera, almeno al Tribunale di Palermo.

 Gli imprenditori mafiosi non erano quelli condannati per mafia. Erano coloro che in Sicilia riuscivano a creare lavoro e ricchezza. Tutti questi dovevano essere perseguitati, i loro beni spartiti a persone senza alcuna esperienza o competenza specifica. I lavoratori erano quantomeno complici e meritavano di essere licenziati e sostituiti con le persone di comprovata fiducia. Era inammissibile per te che dei lavoratori umili con la terza media diventassero imprenditori di successo. La giustificazione non poteva che essere la mafia. Voi, invece, con tre lauree e altrettanti master avete distrutto tutto. Noi con l’umiltà, il lavoro e il rispetto degli altri avevamo creato.

Ci hai tolto tutto: l’azienda, il lavoro, la casa e la libertà. Nonostante la nostra innocenza fosse scolpita in una sentenza passata in giudicato, hai ritenuto che tutto il nostro patrimonio fosse il frutto di un reato che non esiste.

Poi, siccome non eri contenta, hai colpito anche noi figli che stavamo provando con il duro lavoro a riprendere in mano le redini del nostro futuro dopo che tu avevi distrutto il passato della nostra famiglia. E, siccome, attraverso di noi eravate arrivati fino all’Italgas, per salvare la vostra credibilità, avevate deciso di confiscare la nostra azienda, senza neanche avere letto la perizia che voi stessi avevate disposto

 

Una lettera dura nella quale Cavallotti ricorda i torti subiti dalla sua famiglia e le tante sofferenze patite.

 

giustizia“La seconda volta – prosegue Pietro Cavallotti – ti ho vista al Tribunale di Caltanissetta, non più nella veste di Dio in terra ma, dopo essere caduta dal Cielo, semplicemente come imputato. Il capello e il trucco erano sempre impeccabili. Schiumavi rabbia come un leone ferito. Non ti rendevi conto di essere tu sotto accusa e ti comportavi come quando eri a capo della Sezione, fino addirittura ad intimidire velatamente e attaccare il Pubblico Ministero che ti accusava. Questa volta ti sei accorta di me e hai fatto finta di niente.

 Tu non stai provando neanche lontanamente la sofferenza che voi avete fatto provare a tante famiglie.

Tu hai la garanzia di un giudice imparziale, non sei stata privata della libertà personale in attesa di un processo penale in cui vale la presunzione di innocenza.

I nostri padri, senza prove, sono stati arrestati e, dopo due anni e mezzo, scarcerati con una pacca sulle spalle. L’assoluzione definitiva sarebbe arrivata solo 12 anni dopo. Per gli stessi fatti li avete crocifissi in un processo farsa in cui vale la presunzione di colpevolezza e, prima di quel processo, gli avete tolto ogni mezzo di sostentamento. Dopo 11 anni, avete confiscato tutto, pur di non ammettere di esservi sbagliati.

 

Ripercorre poi la storia della Saguto emersa dalle intercettazioni.

 

soldiSpendevate 15 mila euro al mese, fra ristoranti, vestiti alla moda e villa a Mondello per il figlioletto. Avevi una ricca vita sociale e in udienza andavi avendo sempre cura di non fare troppo presto perché tanto la gente poteva aspettare. La vostra principale fonte di reddito erano le amministrazioni giudiziarie. Tuo marito prendeva incarichi ad affidamento diretto perché era una persona affidabile.

Noi alle 6 eravamo in cantiere a buttare il sangue e il sudore insieme agli operai sotto il sole oppure al gelo, si risparmiava per rientrare nei conti, si mangiava un pezzo di pane sul marciapiede o sopra i mezzi d’opera e la sera eravamo a tal punto stanchi che non potevamo fare altro che andare a letto, talvolta senza neanche mangiare. I lavori si prendevano, quando capitava, solo dietro gara di appalto, senza raccomandazioni e nel rispetto della legalità. Altro che festini e uscite con gli amici. Per noi non c’erano fragole con la panna, dolcetti da Costa, uscite con le amiche sull’auto blindata o aperitivi pomeridiani con il Prefetto. C’era solo la polvere e la terra del cantiere e la responsabilità di portare avanti un lavoro con tutte le difficoltà del mondo, per rispettare le scadenze del committente, per onorare gli impegni coi fornitori, per la nostra sopravvivenza e per quella dei nostri collaboratori.

I tuoi figli facevano la bella vita, spendevano a destra e a sinistra. E noi, appena finita la scuola, fin da piccoli andavamo a uscire la terra dal fosso e queste erano le nostre vacanze perché c’era bisogno di lavorare. Così si capisce il valore dei soldi e dei sacrifici.

Ma di tutte queste cose voi che cosa ne sapete?

Ora, dopo 60 anni di lavoro, ci ritroviamo senza una casa e siamo ridotti a fare i conti dei contributi versati per capire se i padri hanno il diritto di andare in pensione.

 Quale mafia hai combattuto? Sapevi dove la mafia vera aveva nascosto i beni e, per paura, non sei intervenuta. Meglio colpire il Cavallotti di turno che tanto mafioso non è e che non si potrà mai rivalere con la violenza.

Tu sei madre, moglie e figlia. Come hai potuto infliggere tutte queste sofferenze a centinaia di figli, di mamme e di mogli?

 

Quello che più colpisce del post di Cavallotti, non è la rabbia che sarebbe legittimo esternare, quanto la compassione verso una “regina” caduta nel fango e l’esortazione rivolta all’ex magistrato a fare i nomi di quanti, appartenenti al “sistema”, oggi ne prendono le distanze

 

Silvana Saguto

Silvana Saguto

Ti vedo ora in televisione, invecchiata di almeno dieci anni, con il volto sciupato, sofferente e trascurato. Sei diventata il parafulmine. Attaccano te per difendere un sistema che non hai creato tu e al quale la stampa ha dato il tuo nome solo per nascondere una verità sconcertante che potrebbe rimettere in discussione trent’anni di misure di prevenzione. Le persone che venivano da te a chiederti i favori ti hanno rinnegata. Ti chiamavano “regina” e ti trattavano come tale. E, come quando cadono i peggiori regimi, tutti coloro che prima ne avevano tratto vantaggio, si dileguano.

 Eppure, nonostante tutto, non provo nessuna soddisfazione o piacere. Provo solo compassione.

Tu potrai vincere tutti i processi ma hai già perso qualcosa di più importante, qualcosa che, forse, non hai mai avuto: il rispetto della dignità inviolabile delle persone.

 

Compassione? Sì, forse nulla potrebbe ferire nell’orgoglio e nei sentimenti una persona, più della pietà espressa da chi dalla stessa persona ha subito un’ingiustizia. Ma che orgoglio e sentimenti può avere chi ha distrutto la vita di tante persone solo per ragioni di profitto personale? Che orgoglio può avere chi trattava gli altri, compreso gli uomini della propria scorta, coloro che per proteggere la “regina” rischiavano la vita, come fossero stati i suoi servitori? Che orgoglio e quali sentimenti può avere chi con i propri comportamenti ha infangato la propria professione, colpendo anche l’immagine di tanti magistrati che svolgono il loro ruolo con serietà e onestà? Che orgoglio e quali sentimenti può avere chi ha dimenticato gli insegnamenti di uomini come i Giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino?

 

Per quanto mi riguarda – conclude Pietro Cavallotti – noi abbiamo vinto come uomini nella misura in cui non ci siamo mai arresi, nella misura in cui abbiamo trovato la forza di rialzarci e di non mollare dopo che voi ci avevate spezzato le gambe.

Continueremo a difenderci e, se i giudici italiani non avranno il coraggio di ammettere gli errori commessi, lo farà la Corte Europea. Quando questo avverrà – perché avverrà – sarà una grande gioia per tutti coloro che credono nella giustizia senza vederla e una immensa vergogna per quello Stato sordo e cieco che continua a coprire gli abusi commessi da qualcuno nel nome della lotta alla “mafia”.

 

Quanti sono i Cavallotti in Italia? E quanti i Sistemi Saguto o Montante o chissà con quale altro nome?

Come non devono far paura questa giustizia e questa antimafia?

Gian J. Morici

Condividi sui social

One Response to  La lettera di Pietro Cavallotti al “Sistema Saguto”

  1. Pingback: Silvana Saguto: “Brusca è uno brutto!” -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*