Una bella chiacchiariàta di Mimì Dolce con i giovani compaesani di Polizzi

Una bella chiacchiariàta di Mimì Dolce con i giovani compaesani di Polizzi (2)Lo stilista Domenico Dolce nel pomeriggio di ieri ha voluto incontrare i giovani di Polizzi Generosa. Ci si è ritrovati nella bella scalinata della Chiesa Madre per parlare con i suoi compaesani e magari poter mettere a punto alcuni aspetti interessanti per il bene dei tanti che dovrebbero essere le belle speranze di un prossimo futuro. Tanti i giovani che tra curiosità e aspettative si sono dati appuntamento, appena è circolata la voce di questo incontro.

Aspetto principale,dominante e curioso è stato quello di pensare al futuro delle Madonie e nella fattispecie per Polizzi Generosa, uno dei tanti comuni madoniti, che si imbatte tra varie vicissitudini locali e aspetti di mancato lavoro, dove i giovani sono costretti ad trovare fortuna e lavoro fuori dalla Sicilia. Parte da lì Domenico Dolce, raccontando la sua storia di vita, partito dalla bottega di famiglia, una sartoria ove lavoravano anche il fratello e la sorella, oltre i genitori che hanno impartito i valori di vita di allora, facendo strada nel tempo e sacrifici che tanti giovani adesso sconoscono o riescono a percepire se sentono parlare i loro genitori. Difficoltà trovate in un periodo in cui i problemi erano tanti e per forza maggiore si doveva affrontare la vita quotidiana e pensare al proprio futuro, mettendo in conto anche il parlare o sparlare degli stessi compaesani su un mestiere non proprio attinente a giovani di allora.

Sulla sua storia raccontata alla platea di ragazzi Mimì ha cercato di capire i suoi compaesani spronarli a non sedersi sugli allori e mettersi al servizio di ciò che il territorio offre .Affrontare la vita con spirito di sacrificio così come ha fatto lui senza aver vergogna delle proprie origini, vivere la cultura sicula e tutto ciò che offre la terra. Identità siciliana che deve essere messa in primo luogo e davanti a tutto ove la personalità deve prendere il sopravvento su tanti aspetti negativi che possono aversi. Essere fieri delle proprie origini, senza perdere tempo  ai pettegolezzi, collaborare su tutto e mettersi al servizio senza egoismo.

I ragazzi hanno ascoltato attentamente e certamente guardando Mimì Dolce dall’altra parte della barricata, qualcuno ha anche pensato “beato lui” che è arrivato al successo  ma, il successo certamente non si prevede  senza sacrifici reali. Volontà e determinazione che deve essere messa al primo posto proprio per fare quel salto di qualità che tutti si auspicano ma in pochi riescono. Creare ospitalità e dedizione per Polizzi, darsi da fare per risollevare le sorti del paese e degli stessi, dare ospitalità a coloro che vengono ad ammirare le bellezze di Polizzi, metterli a proprio agio con cibo,ospitalità e strutture che mancano.

Ha dato e darà la sua disponibilità a qualsiasi progetto e obiettivo locale, darà una mano se ci saranno obiettivi concreti con giovani che vogliono portare avanti qualcosa di costruttivo per il bene proprio e di Polizzi. Giovani che dovrebbero portare avanti ciò che si ha adesso, usufruire del bene dell’acqua e della terra, rivalutare  le nocciole e i noccioletti che stanno andando alla deriva,creare lavoro da ciò che madre natura offre e dà quotidianamente, vedasi anche i prodotti biologici. Aspetti reali che tanti ignorano, vivendo su aspetti mediatici che certamente non portano bene.

Invita a rischiare e mettersi in gioco, senza guardare gli aspetti negativi che sono sempre dietro l’angolo. Creare una macchina ben oleata che possa dare lustro ai giovani nel crearsi famiglia e successo. Umiltà e pedalare, se si suole cambiare altrimenti basta cullarsi su aspetti che alla lunga non daranno il salto di qualità ma, adattarsi alla vita quotidiana che magari a qualcuno non dispiace, dovuta anche al fatto di non aver capacità e voglia di pensare diversamente. “Una bella chiacchierata” in compagnia di un amico famoso ma, umile da sempre ….

 

Antonio David

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*