I contratti di locazione abitativa a canone concordato, a Milano ed in Italia – Dichiarazione del presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici

I CONTRATTI DI LOCAZIONE A CANONI CONCORDATI ISTITUZIONALMENTE NON SUPPLISCONO ALLA CARENZA DELL’ OFFERTA PUBBLICA DI ABITAZIONI
Secondo Agenzia delle Entrate e Abi nel 2018 sono stati registrati  1.377.000 contratti di locazione residenziale, suddivisi in quattro tipologie. Le più adottate sono il contratto a canone libero  e il contratto a canone concordato che in alcune città ad alta tensione abitativa, tra cui Milano, viene applicato in un numero relativamente limitato di casi.
Un importante quotidiano attribuisce ciò al fatto secondo il quale i proprietari di casa milanesi “snobbano” la formula del contratto a canone concordato, in cio’ assecondati dai sindacati di categoria ( degli inquilini e dei  proprietari ).
Precisa il presidente di Assoedilizia, la più rappresentativa delle associazioni dei proprietari immobiliari: “Si tratta di  una affermazione qualunquistica che non tiene conto della reale funzione sociale ed economica di questa forma contrattuale.
“La verita’ e’ che i milanesi la considerano per quella che e’: non la via maestra per dare una risposta alla domanda abitativa, ma una via cui ricorrere se non vi e’ alternativa, e sempre tenuto conto del rapporto qualita’/prezzo/domanda di mercato.
“Ritenere l’inverso non facilita la soluzione del problema abitativo, a Milano come in Italia; perche’ porta a gravi distorsioni, quali ad esempio il proporre una recrudescenza in termini di carico fiscale sui contratti liberi, per dissuadere da questa forma contrattuale.
“Dunque, agevolare si’ ma non con il prevalente intento di utilizzare questo strumento in via di supplenza, a fronte di una carenza di offerta pubblica.”

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*