Libano: Save the Children, le demolizioni delle abitazioni ad Arsal rendono incerto il futuro di migliaia di bambini rifugiati siriani e delle loro famiglie ​

Migliaia di famiglie e di bambini rifugiati siriani che vivono ad Arsal, in Libano, nei prossimi giorni assisteranno alla demolizione delle proprie abitazioni, o dovranno abbatterle da sé, in seguito alla decisione delle autorità di radere al suolo qualsiasi struttura utilizzata dai rifugiati che non sia fatta esclusivamente di legno o plastica.

Save the Children – l’Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro – sottolinea come poco chiare siano le soluzioni alternative a disposizione delle famiglie. Alcune hanno già iniziato a demolire le loro case e hanno allestito, nelle zone limitrofe, tende e rifugi provvisori, mentre altre restano in attesa dell’intervento delle autorità.

“Ci è arrivato un avviso che diceva che avremmo dovuto abbattere la nostra casa. Lo abbiamo fatto, siamo andati via ma stiamo ancora aspettando che qualcuno venga a darci teli e legna. Il campo intero è stato raso al suolo, non solo la nostra casa. Ho una bambina piccola che ha l’asma e non possiamo continuare a rimanere all’aperto. Stiamo aspettando che qualcuno venga da noi per registrarci e ancora non so dove dormiranno i miei figli”, è la testimonianza di Bushra, 34 anni, madre di tre bambini di 13, 12 e 3 anni che vive ad Arsal da sette anni.

Sono circa 40.000 i rifugiati siriani che vivono attualmente nella zona di Arsal. Save the Children, in collaborazione con le altre agenzie umanitarie, è tuttora al lavoro per offrire il necessario supporto alle famiglie e ai bambini le cui abitazioni sono state, o saranno, rase al suolo. Nello specifico, l’Organizzazione è al lavoro per garantire la distribuzione di kit per la costruzione di ripari, costituiti da tende, teli di plastica, legna e attrezzi, e allestirà uno Spazio mobile a misura di bambino per offrire ai minori il supporto psicosociale di cui hanno particolare bisogno in questo momento.

 

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*