Theresa May vittima del Brexit

TheresaMAyHa provato tre volte senza successo a far passare il Brexit. Theresa May, Primo Ministro britannico, ha annunciato venerdì 24 maggio le proprie dimissioni che prenderanno effetto il 7 giugno prossimo. Ha inoltre precisato che darà le dimissioni anche dal suo ruolo di capo del Partito Conservatore.

Theresa May non aveva votato per il Brexit ed è diventata Primo Ministro proprio l’indomani del fatidico referendum. Il suo arrivo era stato cosiderato rassicurante proprio per questa ragione. Ma non ce l’ha fatta. Il suo mandato è stato fagocitato dalle trattative per il Brexit.

Ha avuto tutti contro. Il suo governo si è sfaldato sotto is suoi occhi. Oltre 30 deputati demissionari, due volte il governo ha votato contro la fiducia. Una volta è stato il suo stesso partito. Theresa May non ha dovuto affrontare soltanto il Governo britannico ma anche Bruxelles. Il Consiglio europeo le ha fatto muro.

A meno di quarontott’ore dalle elezioni europee l’uscita di scena di Theresa May non è buon segno con i populisti che esultano già, speriamo a torto.

E’ stata un Primo Ministro coraggioso. Se il Brexit non è ancora andato in porto in modo sensato la colpa è del Governo britannico con il concorso di Bruxelles.

Theresa May non poteva far altro che uscire di scena ma con onore.

Luisa Pace

 

 

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*