Scuola: sindacati a Lagalla, 261 docenti in più per il tempo pieno sono poca cosa

Palermo, 15 marzo 2019 – “L’assegnazione da parte del Miur di 261 cattedre in più per il tempo pieno negli istituti della scuola primaria siciliana, anche a seguito delle pressanti richieste di FLC CGIL, CISL Scuola e UIL Scuola della Sicilia tramite le delegazioni nazionali e formalizzate all’ufficio scolastico regionale proprio il 12 marzo scorso, sono poca cosa rispetto alla condizione in cui si trova l’Isola”. Lo dicono i segretari regionali di Flc Cgil, Graziamaria Pistorino, CIsl Scuola, Francesca Bellia, e Uil Scuola, Claudio Parasporo.
“Ricordiamo all’assessore – aggiungono – che la Sicilia è fanalino di coda tra le regioni italiane. Solo il 7% degli studenti siciliani fruisce del tempo pieno, anche per colpa degli enti locali e della Regione Siciliana. Questi, infatti, non garantisco alcuni servizi fondamentali per il tempo pieno, come l’adeguamento dei locali, la mensa ed il trasporto degli alunni”.
“Pertanto – concludono – ci aspettiamo dall’assessore piani programmatici e progetti concreti per dotare la maggior parte degli istituti scolastici siciliani delle risorse e degli strumenti necessari”.

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*