Diritto allo studio. Fava “Servono risorse e un cambio di passo”

“Disegno di legge non resti elenco di buone intenzioni”

“La troppo attesa legge regionale sul diritto allo studio ha bisogno di risorse adeguate per non restare un’insieme di buone intenzioni.
Più attenzione per la scuola dell’infanzia, interventi di contrasto alla povertà educativa, adeguate risorse per i trasporti, misure per le aree interne, stanziamenti per borse di studio e servizi: sono questi alcuni dei settori dove occorre un deciso cambio di passo e sui quali abbiamo presentato un corposo pacchetto di emendamenti.”

Lo afferma il Claudio Fava, deputato regionale del Movimento Cento passi.

“Da tempo gli studenti e le studentesse, così come tutti gli operatori della scuola in Sicilia, aspettano di poter avere le stesse opportunità dei loro colleghi del resto d’Italia, possibilità negata da scelte scellerate del governo nazionale e dalla miopia della politica regionale”.

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*