“Abbiamo parlato del Consorzio Universitario di Agrigento – afferma Di Caro, vice presidente della Commissione Istruzione all’Assemblea Regionale Siciliana -. Ho elencato le enormi potenzialità del territorio e di come il Consorzio potrebbe davvero tornare ad essere fonte di sviluppo per la nostra provincia. Oltre all’accessibilità dei corsi di laurea – continua Di Caro – i principali fattori che finora hanno causato una diminuzione esponenziale del numero degli iscritti sono, la gestione del CUA, il trasporto e le residenze. Su questi temi lavoreremo in commissione per migliorare il disegno di legge sul diritto allo studio. Ma se il governo Musumeci non garantirà le risorse finanziarie necessarie, anche il ddl sul diritto allo studio rimarrà il solito spot da portare in tv. Al Prof. Micari ho chiesto soprattutto stabilità e certezza nella continuità dei corsi da attivare ad Agrigento. Uno studente non si iscriverà mai ad un corso di laurea col dubbio che questo chiuda i battenti da un giorno all’altro. Il Rettore, in questa fase, si è impegnato a far attivare stabilmente tre corsi laurea triennale: architettura, economia e commercio e scienze della formazione. Presto – conclude il parlamentare – con Alessandro Cacciato – autore del libro “Il Sud Vola” ed esperto in promozione per le imprese, presente all’incontro – presenteremo un progetto per il rilancio del CUA, l’alternanza scuola lavoro e l’attivazione di nuovi master”.

“È intollerabile l’attacco frontale alla pesca professionale  dai banchi della Commissione Attività produttive dell’Ars e condanniamo convintamente il giudizio sommario schierandoci apertamente a sostegno del diritto al lavoro dei pescatori, categoria tra le più vessate dalle scelte dell’UE.
A sostenerlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl, commentando l’episodio accaduto ieri durante l’audizione in Commissione di merito al Parlamento siciliano dei componenti della Commissione Consultiva Regionale della Pesca”.
“Prendiamo le distanze da chi, in maniera anacronistica – prosegue – ha accusato imprese di pesca e pescatori di aver distrutto il Mar Mediterraneo con una attività di cattura fuorilegge, emettendo, durante l’audizione, una sentenza sommaria, fuori luogo e non veritiera, assumendo le difese della pesca ricreativa ed alzando le barricate a tutela delle migliaia di pseudo sportivi che saccheggiato i mari, senza regole ed il alcuni casi nella illegalità, sottraendo capacità di cattura alle imprese ittiche che producono economia, sostengono il Pil regionale e garantiscono il sostentamento a circa 10 mila famiglie, quindi lavoro”.
“Di fronte allo sforzo del governo regionale, delle parti sociali e dei rappresentanti della ricerca scientifica verso la stesura di una proposta di legge condivisa e partecipata da sottoporre al voto sovrano dell’Aula di Sala d’Ercole – sostiene Messina – la posizione arcaica e priva di supporto scientifico e statistico di certa politica rappresentata ieri in Commissione parlamentare, fa male a questa terra, mortifica una intera categoria fatta di lavoratori e non di bracconieri è non fa bene alla politica, quella con la P maiuscola”.
“La Sicilia ha bisogno del sostegno di tutti perché dopo 18 anni possa dotarsi di uno strumento legislativo innovativo ed al passo con la nuova Politica Comune della Pesca – conclude – e la parte sana della politica siciliana vigili affinché i diritti costituzionali dei cittadini siciliani e storici dei pescatori non vengano calpestati da qualcuno che, grazie al consenso popolare, siede a Sala d’Ercole pensando di poter assurgere a ‘giustiziere del mare’”.

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*