Ricerca ISS: distanziometro regionale inefficace, giocatori problematici preferiscono allontanarsi da casa e ufficio

Il distanziometro – misura che le regioni e i comuni hanno messo in campo per proteggere luoghi sensibili come scuole, chiese e ospedali – non è uno strumento efficace per contrastare il “problem gambling”. L’indagine dell’Istituto Superiore di Sanità dimostra che, tra i luoghi di gioco, il giocatore problematico  predilige quelli lontani da casa e dal lavoro (quindi capillarità e prossimità non sono elementi che favoriscono la problematicità), quelli che garantiscono la maggior privacy o con un’area fumatori; tra i giocatori problematici – riporta Agipronews – è maggiore la percentuale di chi fuma o di chi consuma alcolici 4 o più volte a settimana.

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*