POETICA DELLE IMMAGINI E AMORE PER LA SICILIA NELLE OPERE DI CARMEN FRISINA

IL 21 APRILE A PALERMO IL VERNISSAGE DELLA PERSONALE “LA TERRA DEI CICLOPI”

 

La Terra dei CiclopiLa bellezza del paesaggio siciliano attraversato dal mito e dalle suggestioni di luoghi di straordinaria attrattività, dove l’ambiente naturale è stato plasmato da gesta memorabili, sarà protagonista della mostra intitolata “La Terra dei Ciclopi” dell’artista palermitana Carmen Frisina, che sarà inaugurata il 21 aprile alle 17:00 a Palermo, presso gli spazi della Galleria “Nicola Scafidi” all’interno di Villa Niscemi.

L’esposizione, che rimarrà visitabile fino al 26 aprile, si articola in diciassette dipinti a olio su tela, che sintetizzano l’amore della pittrice per la Sicilia, tra scorci idilliaci, spiagge mediterranee e fichi d’india.

Al vernissage è prevista la presenza del maestro Maurizio “Mauri” Lucchese che curerà la presentazione critica dell’evento, in occasione del quale esporrà anche alcune sue opere ispirate ai paesaggi siciliani dove è possibile riconoscerne l’inconfondibile tratto.

L’inaugurazione vedrà inoltre la presenza del sindaco professore Leoluca Orlando e dell’assessore comunale alla Cultura Andrea Cusumano; madrina della manifestazione, che vede Daniela Martino quale event manager, sarà la psicologa Claudia Rini; ospite d’onore l’artista teatrale Mario Pupella , direttore artistico del Teatro Sant’Eugenio di Palermo.

Previsto inoltre un intervento a cura della giornalista Marianna La Barbera.

Classe ’48, docente di Economia fino alla pensione, Carmen Frisina possiede una sensibilità rara che si manifesta anche nella rappresentazione  a tratti malinconica del passato e in una dimensione onirica che, tra nostalgia e vitalità, emerge dalle sue opere, tra le quali figurano gemme come “Scala dei Turchi”, “Controvento” e “Il tempo che fu”.

Oltre all’elemento paesaggistico, a dominare l’espressività dell’artista è la rappresentazione della quotidianità con tratti gentili ed eleganti; particolarmente apprezzati dalla critica sono il senso della prospettiva e l’uso sapiente del colore.

Le sue declinazioni dei temi della nascita e della sofferenza di Cristo, inoltre, sono state esposte in occasione delle  collettive “Natività” e “Passio Christi” presso l’Auditorium della Parrocchia “Regina Pacis” a Palermo.

Di recente l’artista ha tenuto, presso gli spazi di Palazzo delle Aquile a Palermo, la personale dal titolo “Scintille di luce arte”, una vera e propria dichiarazione d’amore verso la Natura.

Un tema, quello dell’osservazione  del paesaggio attraverso la raffigurazione di scorci di intensa bellezza, che rappresenta la cifra espressiva per eccellenza della pittrice, i cui lavori sono stati pubblicati su prestigiose riviste e cataloghi d’arte e che le ha valso l’amore e la stima del pubblico, oltre che il riconoscimento della critica con targhe e medaglie.

Di recente, la sua pluripremiata opera “Serra e laghetto del villino Florio all’Olivuzza”, inoltre, le ha assegnato il sedicesimo posto in occasione della Biennale Internazionale d’Arte del Mediterraneo fra seicento artisti partecipanti : ancora un’intensa rappresentazione della Natura, attraverso un tocco ottocentesco.

Il prossimo 5 maggio Carmen Frisina sarà inoltre insignita del premio culturale “Concetta Settineri”  da parte di Maurizio Lucchese, congiuntamente ad altri ventuno artisti palermitani, presso gli spazi della Real Fonderia.

 

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*