L’Amb. Perelygin sulle dichiarazioni dell’Amb. italiano a Mosca Ragaglini

“o Franza o Spagna, purché se magna” – Francesco Guicciardini (Firenze, 1483 – 1540) scrittore, storico e politico italiano.

crimea-mapCon grande amarezza ieri ho imparato che la frase del Guicciardini è più attuale che mai. L’Ambasciatore italiano a Mosca, Cesare Maria Ragaglini, nella sua intervista al Corriere della Sera, ha rilasciato dichiarazioni ambigue e controverse, ed è il caso di dirlo, quasi certamente non in linea con l’indirizzo politico del paese, l’Italia, che egli rappresenta a Mosca. Non è chiaro a nessuno, così come non è chiaro a noi, come l’Ambasciatore possa dichiarare apertamente posizioni fuori dalle sue competenze. Ricordiamo come l’Italia non abbia espresso parere negativo alla cooperazione profonda e all’integrazione dell’Ucraina nelle strutture Euroatlantiche ed Europee.

Ragaglini ha sottolineato come ” la Crimea non era il primo Paese che votava per la sua indipendenza in Europa“, dimenticandosi che la Crimea non è un paese sovrano ma una parte del territorio ucraino. La dichiarazione di Ragaglini potrebbe significare una posizione diversa dell’Italia, che ad oggi non ci risulta. Una posizione che dalle pagine stesse del Corriere della Sera, stessa testata, forse dovrebbe essere rettificata dalla Farnesina.

S.E. Yehven Perelygin, Ambasciatore D’Ucraina in Italia

 

 

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*