Londra stordita dal doppio attentato

Ieri notte ha avuto luogo il terzo attentato in tre mesi in Inghilterra.

Londra3giugnoDopo l’ovvia confusione dovuta al doppio attentato di ieri sera, 3 giugno, alle 22 ora di Londra, si delinea meglio quanto successo.

Le aggressioni si sono svolte in due luoghi: il London Bridge, nella riva Sud del Tamigi, e Borough Market.  Nella notte si era parlato anche di  Vauxhall  ma la polizia londinese ha rettificato comunicando che questo quartiere  non era coinvolto dall’attacco.

Stamattina si contano 7 morti e 48 feriti ricoverati come già comunicato dalle “London Ambulances”.

I fatti

Come confermato dalla polizia londinese, un furgoncino bianco che andava a circa 70 km/h zigzagando, si è lanciato sui pedoni che passavano sul ponte. Si è poi diretto al mercato coperto Borough Market dove si trovano molti ristoranti e pub alla moda sempre molto frequentati ed ancor più pieni nella serata estiva di sabato. Mark Rowley, capo dell’antiterrorismo di Londra ha dichiarato: “Poliziotti armati hanno reagito molto rapidamente ed hanno affrontato coraggiosamente i tre sospetti che sono stati abbattuti nel Borough Market”.  Ha aggiunto che i tre uomini portavano falsi giubbotti esplosivi.

Per il momento non si sa nulla sull’identità degli assalitori e l’attacco non è stato rivendicato anche se via Telegram, la messaggeria criptata, l’IS aveva lanciato un appello ad attaccare con camion, coltelli ed armi i “Crociati” durante “il mese sacro del ramadan”.

E così è stato poiché gli assalitori hanno utilizzato, anche machete e coltelli. Dopo aver falciato i pedoni sul ponte gli aggressori sono infatti scesi dal mezzo ed hanno cominciato ad accoltellare chi si trovava nel Borough Market. In otto minuti sono riusciti ad uccidere 7 persone, il che dimostra quanto sia difficile proteggersi e quanto sia importante prevenire via l’intelligence.

La sparatoria segnalata era in realtà il risultato dei colpi di pistola della polizia che ha bloccato i terroristi.

Dopo un momento di raccoglimento sarebbe il caso di decidersi a prendere sul serio quelli che vengono erroneamente chiamati “lupi solitari” che di solitario non hanno nulla perché rispondono a degli input e che dopo ricerche si scopre che sono legati a diverse cellule sul territorio, che sia britannico, francese, belga, tedesco… semplicemente occidentale… La prova è che questa mattina intorno alle 7:00 sono state fermate 12 persone probabilmente legate alla rete terroristica.

Luisa Pace

 

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*