L’anima e l’epoca dei Tomasi di Lampedusa a Palma di Montechiaro

Una collezione esclusiva di abiti nel segno del Gattopardo

GattopardoUna mostra di straordinario valore, che riporta all’attenzione della collettività un passato  denso di suggestioni e bellezza.

Scampoli di memoria in costume. Il Gattopardo” è il titolo dell’esposizione che il Palazzo Ducale di Palma di Montechiaro, in provincia di Agrigento, ospiterà da domani fino al prossimo 31 gennaio.

Tremila oggetti, tra abiti di gala , da passeggio, da visita sia maschili che femminili, uniformi militari e civili, vestiti per bambini, corredi nuziali e costumi popolari dei Paesi bagnati dal Mediterraneo, e tanto altro ancora, tra accessori ed elementi che raccontano aneddoti e curiosità; sullo sfondo, le atmosfere de “I Vicerè” e de “Il Gattopardo”.

A raccoglierli , con grande impegno e dedizione, è stato il professore Raffaello Piraino, docente di Storia del Costume presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo, autore di una ricerca antropologica pluriennale che, attraverso gli abiti esposti, percorre due secoli e mezzo di vita quotidiana di uomini e donne siciliani , aristocratici e borghesi facoltosi vissuti tra il 1700 e il 1950.

Tessuti e tagli sartoriali che riportano talvolta all’opera artigianale delle maestranze locali, talvolta alle confezioni di lusso che le signore amavano acquistare durante i loro soggiorni in Europa.

L’esposizione, patrocinata dall’amministrazione comunale e dall’assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, sarà presentata domani, sabato 28 novembre alle 19:30, con relativa inaugurazione e taglio del nastro, alla presenza del sindaco Pasquale Amato.

 

 

 

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*