«Suburra», un polpettone di film

Suburra, il film su Roma e il suo potere segreto, più che un affresco che ricorda Mafia Capitale sembra un B-movie per anziani statunitensi che non ci hanno mai messo piede.

di A. Amorosi

 

Suburra“Nell’attesissima coproduzione da 7 milioni di euro di RaiCinema, Netflix e Cattleya con alla regia Stefano Sollima, si vedono cose che le grandi produzioni non avevano ancora tentato. Un’ottima ricostruzione degli ambienti, una fotografia smagliante, bravi attori e un’efficace mano alla macchina da presa. Elementi che cozzano prepotentemente con una sceneggiatura strampalata, piena di personaggi privi di credibilità narrativa. Pensata forse per il coatto scimmiottato magistralmente da Carlo Verdone un decennio fa.
Tutto parte dalle viscere di Roma in un conto alla rovescia verso l’Apocalisse, la caduta nel 2011 del governo Berlusconi. L’approdo è il progetto Waterfront, la cementificazione di Ostia per trasformarla in Las Vegas. Un sogno dei poteri criminali, dal politico cocainomane di centrodestra che vive di orge (anche con minorenni) alla famiglia zingara gangster, dal piccolo boss di periferia alla Chiesa, fino a un reduce della Banda della Magliana, il più temuto rappresentate della criminalità romana e raccordo di tutte le mafie.
Lui, il mitico Samurai che sembra tanto rievocare la figura di Carminati ma in versione fantasy. Non ha aiutanti. Nella truce guerra tra bande si muove senza guardaspalle e viene ucciso come un pivellino da una tossicodipendente perennemente strafatta. Una disperata dall’alto spessore criminale. Altro personaggio irrealistico, tanto più nel crimine organizzato romano. E che se può esistere tra i Casalesi ha tutt’altra stoffa.
Poi c’è il clan degli zingari Anacleti che ricorda quello dei Casamonica. Anche qui, in mezzo alla guerra il capo viene ucciso da un pierre traffichino smunto come Charlie Chaplin che agisce indisturbato in un truce e complesso disegno. E che dire della scena dei killer che si inseguono sparandosi all’impazzata in un ipermercato romano tra la gente che fa la spesa? Chi se l’è immaginata avevamangiato pesante? O si era fumato un cannone? Che a Roma possano accadere cose del genere ci crederanno forse gli Amish nel Kentucky. E Suburra non è un film alla Tarantino, con venature metafilmiche ironiche o surreali. Le atmosfere sono livide, cupe, inospitali. Con tanto di musica alla Vangelis pompata al massimo a riempire il vuoto narrativo. A suggerire furbescamente allo spettatore le emozioni da provare più che a trasmettere quelle dei personaggi.
Alcuni dei quali sono buttati lì, non si sa che fine fanno. La escort d’alto bordo prigioniera del clan zingaro. Il figlio del deputato preso in ostaggio. Scomparsi. Forse risorgeranno come Lazzaro nel serial di 10 puntate che Netflix sta preparando? E i dialoghi ritriti in romanesco biascicato? E le scene prive di nessi in cui si ammicca alle dimissioni del Papa e agli affari dei Cardinali? E che dire del politico corrotto («Chi se ne fotte della Magistratura… io sono un parlamentare»)? La sagra del politically correct de sinistra de ’noantri.
A confronto Romanzo Criminale di Placido pare Quarto Potere di Orson Welles. Peccato. Suburra è un vero pasticcio e nasconde proprio l’elemento di novità di Mafia Capitale: la trasversalità del potere criminale tra alto e basso, destra e sinistra, coop, potere politico, magistrati ricattati, forze dell’ordine, mafie, grande e minuta burocrazia. Per fortuna, però, c’è qualcuno a cui il film è piaciuto. Ad esempio il neo consigliere Rai Carlo Freccero che lo ha definito «un gioiello, un riuscitissimo un film sul potere». A Roma piacendo”.

Su Libero Quotidiano nazionale del 23 ottobre 2015 a pag. 29

 

 

Condividi sui social

One Response to «Suburra», un polpettone di film

  1. E i dialoghi ritriti in romanesco biascicato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*