Lettera Aperta al Presidente Obama

 

Cinquantadue ex funzionari del governo statunitense esperti di politica estera sottoscrivono lettera bipartisan al presidente Obama.

 

 

obamaCaro Signor Presidente:

Mentre la Russia prosegue con la sua annessione illegale della Crimea, condividiamo la vostra determinazione a “isolare la Russia per le sue azioni e per rassicurare i nostri alleati e partner.” I prossimi passi dell’America dovrebbero essere progettati per rafforzare la sovranità dell’Ucraina e la transizione democratica, per imporre costi reali sul governo del presidente Vladimir Putin, e per migliorare la posizione e deterrenza della NATO.

L’invasione russa della Crimea minaccia la democrazia che il popolo ucraino ha raggiunto con grandi sacrifici. Un test critico della ritrovata libertà dell’Ucraina saranno le elezioni presidenziali del 25 maggio, che la Russia potrebbe cercare di disturbare. Come avrete notato, la Russia deve riconoscere “i diritti di tutti gli ucraini per determinare il loro futuro come individui liberi, e come una nazione sovrana.” Al fine di aiutare l’Ucraina a garantire la transizione democratica, gli Stati membri devono:

  • Fornire al governo di transizione dell’Ucraina osservatori internazionali e altre forme di assistenza per le elezioni presidenziali di maggio. Gli Stati membri dovrebbero inoltre rafforzare il sostegno alle istituzioni civili che sono necessarie per consolidare le conquiste democratiche in Ucraina.

  • Approvare garanzie sui prestiti per contribuire a stabilizzare l’economia ucraina, mentre si lavora con l’Unione europea, il Fondo monetario internazionale, e altri partner per fornire supporto a lungo termine per le riforme economiche in Ucraina.

  • Condurre una valutazione dei bisogni di auto-difesa dell’Ucraina e ampliare la portata e l’entità dell’assistenza militare statunitense a disposizione del governo ucraino, tra cui la condivisione di intelligence, formazione e altre forme di sostegno per le forze ucraine, in coordinamento con la NATO e l’Unione Europea.

Washington e i suoi partner internazionali devono anche imporre costi reali a Vladimir Putin e ai suoi principali sostenitori. In questo sforzo, dobbiamo distinguere tra il regime corrotto vicino a Putin e il popolo russo, che è vittima del suo malgoverno. A questo proposito, è indispensabile utilizzare pienamente il Sergei Magnitsky Rule of Law Accountability Act of 2012 e altre autorità legali per sanzionare le violazioni dei diritti umani in Russia. Gli Stati membri devono:

  • Aumentare il numero di funzionari russi che sono oggetto di sanzioni, tra cui il presidente Putin e quelli più vicini a lui, per il loro ruolo nell’invasione dell’Ucraina e le gravi violazioni dei diritti umani descritti ai sensi della legge Magnitsky.

  • Ampliare la portata delle sanzioni al fine di isolare le istituzioni finanziarie russe e le imprese che sono o complici dell’invasione russa in Ucraina o sostengono il regime del dittatore siriano Bashar al-Assad. La designazione della banca Rossiya è un primo passo importante in questo sforzo.

  • Esporre la portata della corruzione politica ed economica tra la senior leadership della Federazione russa, compresa una relazione di non classificati sulle attività del presidente Putin e di altri alti funzionari russi.

  • Sospendere ogni forma di cooperazione nucleare civile ai sensi del “123” Agreement che è è entrato in vigore tra gli Stati Uniti e la Federazione russa nel dicembre 2010.

L’intervento della Russia in Ucraina rappresenta una minaccia per tutti i paesi vicini, inclusi i nostri alleati della NATO, gli Stati baltici e la Polonia. Noi crediamo che gli Stati Uniti e i suoi partner della NATO devono riesaminare gli impegni assunti nell’ambito dell’Atto istitutivo NATO-Russia del 1997 di astenersi dal dispiegamento di forze aggiuntive nei paesi dell’ex Patto di Varsavia, poiché le recenti azioni della Russia dimostrano che “il contesto di sicurezza e prevedibilità” descritto nell’Act è cambiato. A tale riguardo, gli Stati Uniti dovrebbero:

  • Condurre una valutazione su come rafforzare la posizione di deterrenza della NATO nei confronti della Russia, compreso il dispiegamento di ulteriori forze di terra, difese missilistiche, o altri beni agli ex membri del Patto di Varsavia della NATO. La distribuzione di aerei da combattimento degli Stati Uniti alla Polonia e gli Stati baltici è un primo passo importante in questo senso.

  • Alleati della NATO dovrebbero spingere edaccettare un piano di azione per l’adesione della Georgia in occasione del vertice NATO previsto per il settembre 2014. Gli Stati membri dovrebbero anche sostenere Ucraina, Svezia, Finlandia, e gli altri partner europei di sicurezza, se chiedessero l’adesione alla NATO.

  • Lavorare per ridurre la dipendenza europea dal gas naturale russo, anche attraverso le esportazioni di gas naturale degli Stati Uniti, nonché sostenere la realizzazione di nuovi gasdotti nel Continente e altre proposte per diversificare le forniture energetiche dell’Europa, come ad esempio lo sviluppo di riserve di gas naturale indigene.

Noi crediamo che questi passaggi responsabili saranno essenziali per garantire il futuro dell’Ucraina, per dissuadere il governo di Putin da ulteriori atti di aggressione, e per rafforzare l’alleanza NATO e altre partnership di sicurezza. Vi ringraziamo per la vostra considerazione.

Cordiali saluti

Dr. Michael Auslin James Kirchick
Dan Blumenthal David Kramer
Ambasciatore John R. Bolton William Kristol
Max Boot Dr. Robert J. Lieber
L’ambasciatore L. Paul Bremer Il senatore Joseph I. Lieberman
Il senatore Norm Coleman Tod Lindberg
Ambasciatore William Courtney Mary Beth lungo
Seth Cropsey Dr. Thomas G. Mahnken
Jack David Robert C. McFarlane
Dr. Larry Diamond Thomas C. Moore
Ambasciatore Paula J. Dobriansky Dr. Joshua Muravchik
Thomas Donnelly Andrew S. Natsios
Dr. Colin Dueck Il governatore Tim Pawlenty
Dr. Nicholas N. Eberstadt Dr. Martin Peretz
Ambasciatore Eric S. Edelman Danielle Pletka
Douglas J. Feith Arch Puddington
Dr. Jeffrey Gedmin Daniel F. Runde
Reuel Marc Gerecht Randy Scheunemann
Christopher J. Griffin Dr. Gary J. Schmitt
Generale Michael Hayden Dan Senor
Il dottor William C. Inboden Vance Serchuk
Ash Jain Dr. Daniel Twining
Dr. Kenneth DM Jensen Ambasciatore Kurt Volker
Ambasciatore Robert G. Joseph Dr. Kenneth R. Weinstein
Dr. Frederick W. Kagan Leon Wieseltier
Craig Kennedy Robert Zarate

 

 

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*