TERME: CHI VIGILA SUGLI INTERESSI DI SCIACCA?

 

Per  discutere della situazione delle Terme di Sciacca si sono incontrati il Segretario Provinciale della CGIL Massimo Raso, il Segr. della CGIL di Sciacca Franco Zammuto ed il Segretario Generale della FILCAMS CGIL Franco Castronovo.

 

“Sviluppo Italia/Sicilia” nominato dalla Regione “advisor” del processo che da attuazione  – attraverso la predisposizione del “bando” per la scelta del partner privato –   al processo di privatizzazione delle Terme di Sciacca ed Acireale,   ha consegnato il 9 luglio scorso alla Ragioneria Generale della Regione Siciliana lo studio conclusivo, propedeutico all’emanazione del Bando.

Grazie ad alcune anticipazioni giornalistiche (Filippo Cardinale/La Sicilia-Corriere di Sciacca) siamo venuti a conoscenza di alcuni filoni che dovrebbero ispirare il citato “Bando”.

L’Advisor consiglia una serie di cose, alcune condivisibili altre fonte di inquietudine e che, persino, contraddicono lo spirito del rilancio delle terme (ci riferiamo, ad esempio,  allo sfruttamento delle risorse geotermiche).

Ma su tutte non scorgiamo la valorizzazione di una cosa che a noi appare davvero fondamentale: quantità e qualità del lavoro che il nuovo “padrone” delle Terme dovrà assicurare; quali strumenti inserire nel bando per riconoscere, a chi si impegna su questo terreno, maggiori “chanches” di aggiudicazione.

Tra i suggerimenti dell’advisor, molto suggestivo e condivisibile è quella legata alla “ possibilità di realizzare anche un parco acquatico e strutture connesse nei terreni adiacenti alla piscina dei Molinelli” che, peraltro, riprende uno dei filoni su cui lavorava l’ultima gestione pubblica delle Terme di Sciacca.

Sosteniamo da tempo, che le Terme possano e debbano  costituire uno dei possibili volani di rilancio dell’economia di una città come Sciacca, siano una di quelle risorse “non delocalizzabili” su cui occorre puntare con decisione: il tempo delle scelte è adesso!

E’ davvero incredibile, quindi, che proprio adesso la Città nel suo insieme, ma – con essa – l’insieme delle forze sociali ed economiche non venga chiamata dal Governo della Regione per un esame della bozza di bando, per inserire nel “Capitolato Prestazione Minimo delle Opere e dei Servizi”  quello che serve a Sciacca prima che vengano, cioè, compiute scelte cui sarà difficile porre rimedio dopo.

Ci rendiamo perfettamente conto che il “bando” servirà, in questa fase, solo a raccogliere le “manifestazioni di interesse” a cui seguirà la fase  della  valutazione delle offerte ricevute.

Tuttavia, riteniamo necessario  – sin d’ora –  che il livello di consapevolezza, di presenza e di forza delle istanze del territorio possa avere un suo peso.

E’ necessario che ci sia un “tavolo permanente” degli interessi locali che monitori l’intera fase ed accompagni i singoli passaggi; che vi sia un governo condiviso e trasparente dell’intera operazione.

Non vorremmo davvero che l’avvicinarsi delle Elezioni Regionali trasformi la “questione Terme” (per l’ennesima volta!) in un “terreno di caccia”, materiale per voto di  scambio, vertiginoso traffico di curriculum: quantità. qualità e meccanismi di selezione del personale debbono essere chiaramente definiti” avendo cura di salvaguardare i livelli occupazionali esistenti .-                                     

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*