Riconoscimento dei diritti alle donne Musulmane

Addolora la notizia che un egiziano ha picchiato selvaggiamente la moglie,  facendola finire in ospedale solo perché la giovane, a causa del gran caldo, si era levata il velo che teneva sul volto, in mezzo alla strada. In base al CORANO , le donne sono uguali agli uomini di fronte a Dio, ma al        versetto 34 si legge: “ Gli uomini sono preposti alle donne, a causa della preferenza che Allah concede agli uni rispetto alle altre e perché spendono [per esse] i loro beni. Le [donne] virtuose sono le devote, che proteggono nel segreto quello che ALLAH ha preservato. Ammonite quelle di cui temete l’insubordinazione, lasciatele sole nei loro letti, battetele. Se poi vi obbediscono, non fate più nulla contro di esse. Allah è altissimo, grande”.Nel mondo islamico le donne non vivono condizioni uguali.In alcune nazioni,hanno ottenuto parecchi privilegi,per fortuna,ma negli Stati tradizionalisti le donne non hanno la stessa libertà dell’uomo e sono considerate inferiori. Sono private della libertà di espressione,di parola e non possono decidere nemmeno il proprio destino ne quello dei propri figli.Sono altresì obbligate a coprire il corpo ed anche il viso. Come osserva lo storico e saggista Amin Maalouf: “Ci si può immergere finché si vuole nei libri sacri, si possono consultare gliesegeti, raccogliere argomentazioni: ci saranno sempre interpretazioni differenti, contraddittorie […] Tutte le società umane hanno saputo trovare, nel corso dei secoli, le citazioni sacre chesembravano giustificare le loro pratiche del momento”. E pensare che ai giochi olimpici di Londra,la squadra egiziana  vanta un primato importante: sono ben 34 le atlete che rappresentano il paese,una novità importante per il mondo arabo, dove anche un piccolo passo può rappresentare un segnale importante per l’emancipazione e per il riconoscimento di diritti delle donne.

Aldo Mucci

C.S CGIL Villaggio Mosè

Condividi sui social

Commenti

  1. Sonia Cella scrive:

    Un antico proverbio arabo così enuncia…
    « Una ragazza non possiede altro che il suo velo e la sua tomba. »

    E’ rappresentativo della visione che i fondamentalisti islamici hanno delle Donne.

    E purtroppo questa è solo la punta di un iceberg che vede i Diritti Umani calpestati nella loro più intima dignità. E nonostante gli interventi delle Nazioni Unite e di Associazioni per la difesa de Diritti Umani, quali Amnesty International, di cui sono sostenitrice ed attivista, il rispetto ed una Giustizia ordinaria a salvaguardia di quel minimo indispensabile che rende un paese civile e democratico, in questi Paesi si continua ad oltraggiare l’essere umano (in questo caso Donna, ma più ampiamente di tutti i cittadini) con l’abominio della tortura e della pena di morte…