Il candidato Sisma

di Ettore Zanca

 
Egregio signor Sisma
Abbiamo appreso con sgomento del suo tentativo di candidarsi a Sindaco alle prossime elezioni a Palermo. Lei si è palesato il 13 aprile scorso accompagnato dal suo braccio destro tale Signor Richter e dalla sua consorte, la signora Magnitudo.
Con relativo dispiacere ci vediamo costretti a respingere la sua candidatura per una serie di motivi. In primis vorremmo sottolineare il suo cattivo gusto nel proporsi, lei è apparso in tutta Palermo con lo slogan “farò tremare la città” e l’ha fatta tremare davvero. Ci lasci dire che di gente che sventra la città e poi non ripara il danno ne avremmo abbastanza. Ultimamente siamo costretti ad assistere a show da avanspettacolo anni ‘50, ci manca solo il candidato Ciccio Formaggio. Abbiamo assistito alla discesa di Orlando, apprendendo con sorpresa che non si trattava del personaggio dell’Opera dei Pupi, ma del sindaco avuto ere geologiche fa. Si sono presentati tutti. Anche un candidato che almeno promette prima di volerci prendere da dietro, ehm per il c..va bè! per i fondelli, magari poi se lo fa non ha mentito come tanti altri.
Vorrei evidenziare che lei non è gradito perchè sappiamo che con la complicità di politici senza scrupoli e magnati dell’edilizia che hanno costruito casette di marzapane, invece che edifici antisisma, ha fatto fin troppe vittime proponendo la sua candidatura all’Aquila tre anni fa di questi tempi.
Pertanto è vivamente pregato di andarsene e non ripresentarsi più. L’unico terremoto che abbiamo davvero gradito avvenne tanto, tanto tempo fa e fu di natura giudiziaria. Realizzato da alcune brave persone che sovvertirono e squassarono la gestione politico-mafiosa della città. Non fu opera di eventi naturali che a Palermo non cambiano mai una benemerita..tralascio la volgarità.
Alcuni ricordano alla perfezione i loro nomi, magari tornassero uomini così e diventassero la giunta comunale della nostra città, si chiamavano Giovanni, Paolo, Rocco, Antonino, Francesca, Ninni, Beppe e compagnia combattente. Non ci sono più e sono in tanti a mancare, ce ne sarebbe abbastanza per riempire il posto di Sindaco e di tutti gli assessorati.
Sperando di non rivederLa, La salutiamo. 
 
(Gli scritti di Zanca, sono pubblicati dai siti “Informare per Resistere (clicca qui) e Beneficio D’Inventario (clicca qui)

Condividi sui social