Ravanusa- Liceo “Giudici Saetta e Livatino”. Interrogazione del consigliere provinciale Carmelo Avarello

 

Al Presidente della Provincia 

 

Prof. E. D’Orsi

 

 

 

 

 

Al Presidente del Consiglio

 

Dr. R. Buscemi

 

 

PREMESSO

 

CHE da tempo si è evidenziato lo stato precario in cui ha operato e tuttora opera il Liceo Pedagogico e Scientifico “Giudici Saetta e Livatino” di Ravanusa;

 

CHE dopo tale evidenziazione codesta Amministrazione Provinciale nel mese di ottobre 2010 emanava un bando per reperire locali in affitto da adibire a sede del suddetto Liceo;

 

CHE in seguito a tale bando sono state presentate n. 3 offerte;

 

CHE su tali offerte nel mese di gennaio 2011 è stato effettuato il primo sopralluogo per verificare la consistenza delle stesse;

 

CHE nel mese di aprile 2011 è stato chiesto il parere della Istituzione scolastica interessata;

 

CHE nel mese di agosto 2011 è stato effettuato un secondo sopralluogo conclusosi con la richiesta di una più dettagliata ripartizione dei locali offerti in locazione al fine di adeguarli alle necessità della Scuola;

 

CONSIDERATO

CHE in seguito alla Interrogazione del Consigliere Carmelo D’Angelo l’Ufficio Tecnico ha prodotto una relazione con la quale si escludevano tutte e tre le proposte di locazione con la assai dubbia motivazione che le stesse erano incompatibili con le norme urbanistiche e le norme dell’edilizia scolastica, compatibilità specifiche che non si potevano e non si potranno trovare mai in locali che si chiedono in affitto;

 

CHE con tale salomonica risposta si debba ritenere concluso e chiuso il discorso sullo stato precario in cui opera il Liceo di che trattasi;

 

 

Il Sottoscritto

 

INTERROGA

 

 

Codesta Amministrazione per sapere quali altri provvedimenti intenda prendere per risolvere il problema del degrado dell’Istituto (così è stato definito in Consiglio) che in atto opera in condizioni di grave insufficienza in ordine alla capienza, alle norme di sicurezza ed alle norme di igiene.

 

Si fa presente che in mancanza di un pronto e decisivo intervento l’Istituto, che al momento gestisce un’utenza di oltre 500 studenti, rischia di essere definitivamente chiuso, con grave pregiudizio per una realtà sociale che tale scuola, per la sua peculiarità di Liceo Pedagogico e scientifico, rappresenta, quale valido punto di riferimento per un hinterland di almeno 50.000 abitanti.

 

 

 

 

 

AGRIGENTO lì 16 marzo 2012

 

Il Consigliere Provinciale

Carmelo Avarello

Condividi sui social