Cooperazione transfrontaliera Italia Tunisia

Agrigento, 16 marzo 2012

 

Proseguono le attività del Polo Universitario della provincia di Agrigento di promozione transfrontaliere del patrimonio culturale  del bacino del mediterraneo.

È in fase di avanzata realizzazione, infatti,  il progetto finanziato dalla Comunità Europea  denominato “Architetture domestiche Puniche , Ellenistiche e Romane” (APER) finalizzato a promuovere le emergenze archeologiche dei paesi che si affacciano sul “ mare nostrum”.

Il progetto è stato  finanziato nell’ambito del Programma di Cooperazione Transfrontaliera (PO Italia-Tunisia 2007/2013) con un importo di oltre 75Omila  euro-

Il progetto, realizzato in partnership con la Provincia Regionale di Agrigento, il Centro Regionale per la Progettazione ed il Restauro, l’Ente Parco della valle dei Templi, l’Ecole D’Avignon, l’Ecole National D’Architecture et Urbanisme, l’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi,  l’Istituto Nazionale del Patrimonio di Tunisia , l’Agenzia Nazionale per la Valorizzazione e Promozione del Patrimonio Architettonico della Tunisia e l’Associazione Herimed di Palermo,  si pone –come detto – l’ obiettivo della promozione socio economica dei beni culturali ed archeologici.

Diverse le attività in programma suddivise in 6 azioni: coordinamento tecnico e finanziario e gestione del progetto; ricerca e formazione; verifica e elaborazione grafica animazione virtuale; protocollo per la tutela e la conservazione e la gestione dei siti; itinerario integrato turismo e cultura, comunicazione e diffusione delle azioni e dei risultati del progetto.

Sempre sul fronte delle iniziative transfrontaliere del polo universitario si registra la nuova convocazione del tavolo tecnico del progetto Archeomed.

L’incontro si terrà giorno 26 marzo alle ore 15.30 nei locali del Polo Universitario.

All’ordine del giorno la condivisione un percorso comune che porterà all’individuazione e selezione dei siti minori della provincia di Agrigento da inserire in una  piattaforma digitale.

Condividi sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*