Berlusconi rassegna le dimissioni e la folla urla “buffone”. Quali le aspettative? Solo un cambio di “grembiulini”…

Un cambio di “grembiulini”, che anticipa quello del 2014, al vertice del G.O.I.

Finisce tra fischi, insulti e lancio di monetine, l’agonia di Berlusconi. Domani dopo le consultazioni l’incarico a Mario Monti. Per Obama, positivi cambi governi Grecia e Italia

Il danno ormai è fatto e molti scopriranno nel tempo i contenuti del ddl stabilità, ma scopriranno anche come ben poco sia cambiato e come l’Italia sia di fatto stata consegnata a poteri ancora più forti di quelli che ci hanno governato.

A scanso di future speculazioni politiche, sarà bene ricordare come il provvedimento è stato votato favorevolmente dai gruppi di maggioranza, Pdl, Lega e Popolo e territorio e anche dal Terzo polo. Il Pd, presente in aula, non ha partecipato al voto mentre l’Idv ha votato no.

Tra le misure previste nel ddl, quelle liberalizzazioni dei servizi pubblici, già contestate dalla Lega che le ha votate; la dismissione degli immobili pubblici, utile strumento per l’ulteriore arricchimento di pochi; l’innalzamento dell’età pensionabile; la “disponibilità” per i dipendenti pubblici,  che avranno un’indennità pari all’80% dello stipendio per due anni; il taglio del Fondo per le vittime di reati mafiosi, estorsioni e usura, il trattamento accessorio del personale Dia; la riduzione dei dirigenti scolastici; meno stanziamenti per l’ammortamento dei mutui delle regioni per l’edilizia sanitaria.

Detto questo, andiamo a vedere chi è Mario Monti, e come il più bel regalo che Berlusconi abbia fatto all’Italia, con la complicità delle pseudo sinistre, stia proprio nell’aver preparato il terreno per quest’ulteriore passaggio, che porta in direzione di un nuovo ordine mondiale, che già da tempo avevamo annunciato.

Torniamo quindi all’illustre Fratello Massone Mario Monti, appartenente al Bilderberg Group, nonché presidente per l’Europa, della Trilateral Commission.

L’uomo che potrebbe raccogliere sia il consenso della destra massonica, elitaria e  oligarchica, sia della sinistra massonica, che si propone come liberale e democratica.

Un centro massonico e paramassonico, che aprirebbe le porte ad un nuovo ordine che mira ad un governo globale delle nazioni.

Fantapolitica? Qualcuno si è già chiesto il perché non abbiamo esultato dinanzi la “cacciata” di Berlusconi.

Fareste meglio a chiedervi se hanno fatto bene quelli che esultando dinanzi la “cacciata” di Craxi, hanno poi eletto il suo pupillo a Presidente del Consiglio.

Strano popolo gli italiani. Forse aveva ragione Mussolini, quando alla domanda se fosse difficile governare gli italiani, rispose: “Governare gli italiani non è difficile, ma inutile.”

Gian J. Morici

Condividi sui social

5 Responses to Berlusconi rassegna le dimissioni e la folla urla “buffone”. Quali le aspettative? Solo un cambio di “grembiulini”…

  1. biagio bellanca

    Egregio direttore,
    ho letto con molta attenzione il suo articolo e le debbo confessare che sono affascinato, e non perchè lo condivida, dallo scenario da Lei prospettato circa il nuovo ordine mondiale ed annesso governo.

    Mi consenta di obiettare il “forse” da Lei usato circa la domanda fatta a Mussolini.

    E’ risaputo, ed è ancora scritto su molti Italici muri, che ” IL DUCE HA SEMPRE RAGIONE “!!!!!!!!!!!

    Biagio Bellanca

  2. Gent.mo Sig. Dott. Bellanca,
    la ringrazio per la cortese attenzione con la quale ci segue e per i suoi interventi, sempre interessanti e ricchi di dettagli, che ci aiutano ad approfondire gli argomenti che di volta in volta trattiamo.
    Rispetto un progetto globale che mira ad un controllo dei governi di più nazioni, mi permetto di invitarla a leggere un mio modesto scritto del luglio 2010, che, nell’anticipare di qualche giorno lo scandalo della P3, evidenziava come i comportamenti del nostro ex premier intralciavano un progetto certamente più grande di lui.
    Il vero motivo per il quale, a mio modesto avviso, ha portato al suo “licenziamento”.
    Le sarei grato, se dopo aver letto l’articolo, volesse dirmi cosa ne pensa.
    http://www.lavalledeitempli.net/2010/07/04/p2-internazionale-esteban-juan-caselli-senatore-del-pdl-ex-funzionario-del-regime-fascista-argentino-sotto-la-guida-dei-generali-videla-e-bignone-berlusconi-il-vero-nemico-della-p2/
    Cordiali saluti
    Gian J. Morici

  3. Marie-Jeanne Atanasia

    molto interessante, diffondo

  4. biagio bellanca

    Egregio Direttore,
    seguendo il Suo prezioso consiglio, ho letto quanto da Lei indicato e debbo riconoscere che,anche alla luce delle nomine ministeriali appena compiute,una per tutte quella del Presidente di Intesa- San Paolo, quanto prospettato comincia a delinearsi in tutta la sua compiuta drammaticità.

    In aggiunta a quanto sopra descritto, penso si debba riflettere anche sul fatto che alcuni Tg nazionali,tra il serio ed il faceto, non hanno potuto fare a meno di delineare in maniera più approfondita la figura del neo-presidente del Consiglio dei Ministri, descrivendo la sua partecipazione all’incontro tenutosi sul “Britannia” al largo del porto di Civitavecchia nel lontano 1992, e cioè nei momenti cruciali del crollo della cosidetta “Prima Repubblica”.(La Prima Repubblica dello Stato Unitario Italiano è stata, senza tema di smentita, la Repubblica Sociale Italiana)

    Agatha Crhisty, nei suoi tanti gialli esprimeva il concetto che un indizio è solo un indizio, due indizi sono solo due indizi ma tre indizi sono già una prova!!!

    Alla luce delle appena rese dichiarazioni programmatiche anche noi rispolvereremo il vecchio detto “Si Stava Meglio Quando Si Stava Peggio”???
    Un cordiale saluto e….grazie per il Dottore!!!!
    Biagio Bellanca

  5. Gent.mo Sig. Dott. Bellanca,
    La ringrazio per aver risposto al mio commento.
    Purtroppo, come Lei stesso ha rimarcato, le nomine ministeriali lasciano poco spazio all’immaginazione.
    Speriamo di non dover rispolverare il vecchio detto e dar ragione alla vecchina di Siracusa che ogni giorno supplicava gli dei che Dionigi, crudelissimo tiranno della città, fosse sempre incolume e vivesse a lungo e avendo Dionigi appreso il fatto, fece venire la vecchietta, e domandò il motivo delle preghiere. La donna molto francamente rispose: Una volta a Siracusa comandava un ingiusto tiranno; quando quello decedette, un tiranno più feroce occupò la rocca di Siracusa, e perciò desideravo ardentemente che anche la sua tirannia fosse quanto più breve possibile; ma poi abbiamo avuto te, il più crudele di tutti i tiranni. Perciò prego vivamente gli dei per la tua salvezza, che non ci tocchi dopo la tua morte un tiranno perfino peggiore di te.
    Cordiali saluti e… (Dott. non è solo accademico, così come Signori si nasce…).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*