Libia – Ore contate per Gheddafi – La trascrizione integrale del discorso di Obama

Nelle ultime settimane, il mondo ha visto lo svolgersi degli eventi in Libia con orrore e allarme. Il mese scorso i manifestanti scesi in piazza in tutto il paese per chiedere i loro diritti universali e un governo democratico che risponda alle loro aspirazioni.

“Ma si erano incontrati con il pugno di ferro.

“In pochi giorni, intere zone del paese hanno dichiarato la loro indipendenza da un regime brutale, e i membri del governo in servizio in Libia e all’estero, hanno scelto di allinearsi con le forze del cambiamento. Muammar Gheddafi ha chiaramente perduto la fiducia del suo popolo e la legittimità.

“Invece di rispettare i diritti del suo popolo, Gheddafi ha scelto la via della repressione brutale. Civili innocenti sono stati picchiati, imprigionati e in alcuni casi uccisi. Proteste pacifiche sono state forzatamente sedate. Gli ospedali sono stati attaccati, e i pazienti sequestrati.

“Ha avuto inizio una campagna di intimidazione e di repressione.

“Di fronte a questa ingiustizia, gli Stati Uniti e la comunità internazionale si è mossa con rapidità. Sanzioni sono state messe in atto dagli Stati Uniti e dai nostri alleati e partner. Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha imposto ulteriori sanzioni, un embargo sulle armi e lo spettro della responsabilità internazionale di Gheddafi e dichi gli sta intorno.

“L’assistenza umanitaria è stata posizionata alle frontiere della Libia, e gli sfollati a causa delle violenze hanno ricevuto il nostro aiuto.

“Ampio avviso è stato dato a Gheddafi per fermare la sua campagna di repressione. La Lega araba e l’Unione europea si sono unite a noi nel chiedere la fine delle violenze.

“Ancora una volta, Gheddafi ha scelto di ignorare la volontà del suo popolo e della comunità internazionale. Ha lanciato una campagna militare contro il suo popolo. Non ci dovrebbe essere alcun dubbio sulle sue intenzioni, perché lui stesso le ha rese chiare.

“Per decenni, ha dimostrato la volontà di usare la forza bruta attraverso la sponsorizzazione del terrorismo contro il popolo americano e gli altri, e attraverso gli omicidi che ha effettuato entro i propri confini. E ieri proprio parlando della città di Bengasi, un città di circa 700.000 persone, ha minacciato, e cito, ‘Non avremo pietà e senza pietà’.

“Nessuna pietà per i suoi stessi cittadini.

“Ecco perché questo è importante per noi: non controllato, abbiamo ogni ragione per credere che Gheddafi possa commettere atrocità contro il suo popolo. Molte migliaia di persone potrebbero morire Una crisi umanitaria in tutta la regione potrebbe essere destabilizzante, mettendo in pericolo molti dei nostri alleati e… partner. Le chiamate del popolo libico resterebbero senza risposta. I valori democratici che rappresentiamo sarebbero superati. Inoltre, le parole della comunità internazionale sarebbero vuote.

“Ecco perché gli Stati Uniti hanno lavorato con gli alleati e partner, per dare una forte risposta internazionale alle Nazioni Unite Il nostro obiettivo è chiaro:. Proteggere i civili innocenti in Libia.

“Ieri, in risposta ad un invito ad agire da parte del popolo libico e della Lega araba, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha approvato una risoluzione forte che chiede la fine delle violenze contro i cittadini. Si autorizza l’uso della forza, con un impegno esplicito a perseguire tutte le misure necessarie per fermare l’uccisione, inclusa l’applicazione di una no-fly zone sopra la Libia.

“Si rafforzano anche le nostre sanzioni, e l’applicazione di un embargo sulle armi contro il regime di Gheddafi.

“Ora, una volta di più, Muammar Gheddafi ha una sola scelta: la risoluzione che stabilisce le condizioni passate molto chiare, devono essere rispettate. Gli Stati Uniti, il Regno Unito, la Francia e gli stati arabi concordano sul fatto che un cessate il fuoco deve essere applicato immediatamente. Ciò significa che tutti gli attacchi contro i civili devono cessare. Gheddafi deve fermare l’avanzata delle sue truppe su Bengasi, tornare indietro da Ajdabiyah, Misurata e Az Zawiyah, e ristabilire i servizi di acqua, elettricità e gas a tutti i settori.

“Agli aiuti umanitarii deve essere consentito di raggiungere il popolo libico.

“Vorrei essere chiaro: questi termini non sono negoziabili Questi termini non sono soggetti a negoziazione nel caso in cui Gheddafi non rispetti la risoluzione, la comunità internazionale dovrà imporne le conseguenze… Il rispetto della risoluzione sarà ottenuto mediante l’azione militare.

“In questo sforzo, gli Stati Uniti sono pronti ad agire come parte di una coalizione internazionale. La leadership americana è essenziale, ma ciò non significa che agiremo da soli. Significa creare le condizioni perchè la comunità internazionale possa agire insieme. Ecco perché la regia [Difesa] è affidata al Segretario [Robert] Gates per coordinare la pianificazione e domani il segretario [di Stato Hillary] Clinton si recherà a Parigi per un incontro con i nostri alleati europei e partner arabi circa l’applicazione della risoluzione 1973.

“Forniremo le capacità uniche che possiamo far valere per fermare la violenza contro i civili, permettendo ai nostri alleati europei e partner arabi di applicare in modo efficace una zona no-fly.

“Non ho alcun dubbio che gli uomini e le donne dei nostri militari siano in grado di svolgere questa missione.

“Una volta di più meritano il ringraziamento di una nazione riconoscente, e l’ammirazione del mondo.

“Voglio anche essere chiaro su ciò che non farà: gli Stati Uniti non invaderanno con le proprie truppe di terra la Libia, e non abbiamo intenzione di usare la forza per andare al di là di un obiettivo ben definito, in particolare la tutela dei civili in Libia.

“Nelle prossime settimane, continueremo ad aiutare il popolo libico, con l’assistenza umanitaria ed economica in modo che possano soddisfare le loro aspirazioni pacificamente.

“Gli Stati Uniti non ha cercato questo risultato. Le nostre decisioni sono state guidate dal rifiuto di Gheddafi di rispettare i diritti del suo popolo e per evitare omicidi di massa di civili innocenti. Non è un’azione che porteremo avanti da soli. Infatti il nostri alleati inglesi e francesi e i membri della Lega Araba si sono già impegnati ad assumere un ruolo guida nella applicazione di questa risoluzione. Stiamo coordinando in stretto contatto con loro. E questo è esattamente come la comunità internazionale dovrebbe funzionare, come nazioni che devono sopportare sia la responsabilità che il costo dell’applicazione del diritto internazionale.

“Questo è solo un altro capitolo del cambiamento che si sta svolgendo in tutto il Medio Oriente e Nord Africa. Fin dall’inizio di queste proteste, abbiamo messo in chiaro che siamo contrari alla violenza, abbiamo chiarito il nostro sostegno per una serie di valori universali , e il nostro sostegno per il cambiamento politico ed economico che il popolo della regione merita.

“Ma voglio essere chiaro: il cambiamento nella regione e non può essere imposto dagli Stati Uniti o da qualsiasi potenza straniera In ultima analisi, sarà guidato dalla gente del mondo arabo è loro il diritto e la responsabilità di determinare.. proprio destino.

“Vorrei concludere dicendo che non esiste alcuna decisione che io prenda come vostro comandante in capo, senza aver considerato attentamente la decisione di chiedere ai nostri uomini e le donne di usare la forza militare. Soprattutto in un momento in cui il nostro esercito sta combattendo in Afghanistan e al termine delle nostre attività in Iraq. Tale decisione è solo resa più difficile. Ma gli Stati Uniti d’America non possono stare a guardare di fronte alle azioni che minano la pace globale e la sicurezza. Così ho preso questa decisione con la fiducia che è necessario agire, e che non saremo da soli.

“Il nostro obiettivo è a fuoco, la nostra causa è giusta, e la nostra coalizione è forte”.

Condividi sui social

One Response to Libia – Ore contate per Gheddafi – La trascrizione integrale del discorso di Obama

  1. Governo libico ha dichiarato una cessazione immediata di tutte le ostilità. Il ministro degli Esteri ha dato Mussa kussa in una conferenza stampa a Tripoli. “La Repubblica di Libia sta facendo di tutto per proteggere la popolazione civile e di mandarle l’assistenza necessaria umanitaria”, ha detto. “Come membro delle Nazioni Unite, accettiamo che siamo obbligati a rispettare le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza.” La Libia era pronto per il dialogo. Questo dimostra ancora una volta che aiutare Dio, o meglio la minaccia della violenza. Speriamo che lì pacificamente per i casi umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*