Monitoraggio dell’aria: Il Presidente D’Orsi preoccupato

Finalmente era ora che ci si accorgesse di come gli sforamenti di PM 10 siano preoccupanti. Chissà perché quello che riguarda la nostra martoriata terra, è sempre ammantato da un’aura folcloristica, che trasforma tutto in una tragica commedia.
Già sul finire del 2008, avevamo scritto di come l’inquinamento dell’aria non fosse solo una percezione olfattiva degli abitanti di alcune zone, ma fosse documentato dai monitoraggi della qualità dell’aria effettuati dalle centraline della Provincia fino al giugno del 2008.
Seguirono esposti all’Autorità Giudiziaria e numerosi articoli pubblicati su questo giornale.
IL 16 luglio 2009, presso l’Assessorato Regionale Territorio Ambiente – Servizio 3 “Tutela Inquinamento Atmosferico”-, si tenne un tavolo tecnico, che avrebbe dovuto avere lo scopo di presentare l’inventario delle emissioni degli inquinanti dell’aria e la zonizzazione del territorio, nonché il progetto di razionalizzazione della rete regionale di rilevamento della qualità dell’aria.
Dalla presentazione della zonizzazione del territorio, ad opera del Dr Carlo Trozzi della Techne Consulting s.r.l. emergevano palesi discrasie tra il dato ricavato dalla modellistica atmosferica e il dato reale monitorato dalle centraline.
Il piano di zonizzazione, prevedeva infatti che il territorio comunale di Agrigento non rientrasse tra le aree di recupero ambientale.
L’esclusione dalla zona “A” del piano, significa minori mezzi di contrasto al fenomeno dell’inquinamento atmosferico, ma non determina l’esonero dall’OBBLIGO di monitoraggio della qualità dell’aria.
A sollevare l’eccezione al piano appena presentato, l’Architetto Domenico Lo Presti dell’ufficio ambiente del Comune di Agrigento, che ben conoscendo i dati d’inquinamento e la realtà del quartiere di Monserrato (vicende sulle quali anche il Comune aveva presentato un esposto alla Procura di Agrigento), intervenne immediatamente chiedendo l’inclusione del territorio comunale agrigentino nella zona “A”.
Purtroppo – e sottolineiamo PURTROPPO – a quel punto la rappresentante della Provincia Regionale di Agrigento, sminuiva la portata del fenomeno, sostenendo che in una sola circostanza si era superata la soglia massima prevista dalla legge per il famigerato PM10 presente in atmosfera.
Dura la replica di Lo Presti, che forte del dato proveniente dai monitoraggi, smentiva dati alla mano quanto affermato dalla rappresentante della Provincia.
Dal report orario dei precedenti monitoraggi, si evince come dati significativi d’inquinamento atmosferico, siano stati registrati a Monserrato e spesso in orari in cui è inimmaginabile un aumento del traffico veicolare.
Dati che, tranne che per chi rappresentava la Provincia di Agrigento, destavano non poco allarme.
Sono ora disponibili nel sito della Provincia Regionale di Agrigento www.provincia.agrigento.it, nella home page, i dati del monitoraggio della qualità dell’aria rilevate dalle centraline gestite dalla Provincia per il mese di dicembre 2010. Si tratta dei dati registrati nelle centraline di Agrigento Centro, Monserrato, Agrigento Centro, Agrigento Valle dei Templi, Cammarata (ozono), Canicattì, Lampedusa (ozono), Porto Empedocle.
Questa la situazione, con il riepilogo dei superamenti dei limiti di legge:

DICEMBRE 2010

STAZIONE AGRIGENTO CENTRO
PM10 Giorno 01.12.2010 Media 24h 79.7 μg/m3
PM10 Giorno 23.12.2010 Media 24h 50.3 μg/m3
PM10 Giorno 24.12.2010 Media 24h 65.9 μg/m3

STAZIONE AGRIGENTO_MONSERRATO
PM10 Giorno 01.12.2010 Media 24h 60.9 μg/m3
PM10 Giorno 03.12.2010 Media 24h 120.4 μg/m3
PM10 Giorno 05.12.2010 Media 24h 98.4 μg/m3
PM10 Giorno 10.12.2010 Media 24h 79.9 μg/m3
PM10 Giorno 24.12.2010 Media 24h 57.0 μg/m3

STAZIONE PORTO EMPEDOCLE_UNO
PM10 Giorno 01.12.2010 Media 24h 89.7 μg/m3
PM10 Giorno 07.12.2010 Media 24h 63.4 μg/m3
PM10 Giorno 09.12.2010 Media 24h 52.2 μg/m3
PM10 Giorno 20.12.2010 Media 24h 62.3 μg/m3
PM10 Giorno 24.12.2010 Media 24h 62.2 μg/m3
PM10 Giorno 30.12.2010 Media 24h 52.0 μg/m3

STAZIONE AGRIGENTO VALLE DEI TEMPLI
PM10 Giorno 01.12.2010 Media 24h 66.4 μg/m3
PM10 Giorno 24.12.2010 Media 24h 52.6 μg/m3

STAZIONE CANICATTI’
PM10 Giorno 01.12.2010 Media 24h 60.0. μg/m3

In tutto il 2010 gli sforamenti della media giornaliera sono stati 62 nella città di Porto Empedocle, 28 a Monserrato e 16 ad Agrigento centro. Minori gli sforamenti nelle altre stazioni.
“L’Analisi dei dati – ha dichiarato il Presidente della Provincia Eugenio D’Orsi – ci spinge a tenere costantemente sotto controllo la situazione. L’Assessorato all’Ambiente segue, infatti, con la necessaria attenzione la vicenda per tutelare la salute dei cittadini. Abbiamo inoltre, già da tempo, segnalato alle autorità competenti la necessità di maggiori controlli delle emissioni di PM10, tenuto conto del fatto che si sono registrati superamenti dei limiti di legge in almeno una località della provincia. Vogliamo capire se il superamento delle polveri sottili sia in relazione al traffico veicolare oppure è legato all’attività industriale, considerato che l’aumento di Pm 10 è soggetto, non tanto usualmente, a variazioni durante le ore notturne.”
Vogliamo augurarci che in futuro non debba mai più accadere che a rappresentare l’Ente Provincia non siano soggetti ‘inidonei’ come la signora che fece la sua comparsa l’Assessorato Regionale Territorio Ambiente il 16 luglio 2009.

Gian J. Morici

Condividi sui social

One Response to Monitoraggio dell’aria: Il Presidente D’Orsi preoccupato

  1. La politica o difende i cittadini o se ne vada a casa.Basta con l’incompetenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA

*